Please, enable JavaScript on your browser
holyday village florenz - escursioni punti di interesse attrazioni a lido degli scacchi

 CAMPEGGIO VILLAGGIO HOLYDAY VILLAGE FLORENZ

CAMPEGGIO VILLAGGIO
HOLYDAY VILLAGE FLORENZ

Escursioni, punti di interesse e attrazioni vicini a LIDO DEGLI SCACCHI Codigoro Mesola Presa Pisana

MESOLA E LA TENUTA ESTENSE

MESOLA E LA TENUTA ESTENSE  Apri
Loc. MESOLA FERRARA, ITALY - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
25 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
Altitudine: -5 mt. s.l.m.  Area Presa Pisana, Ca' Tiepolo, Codigoro
MESOLA E LA TENUTA ESTENSE Il Castello di Mesola e' una delle 19 prestigiose residenze (chiamate delizie) degli Este. E' ubicato nel comune di Mesola in piazza Umberto I.Realizzato tra il 1578 ed il 1583 su volere di Alfonso II d'Este, da Giovan Battista Aleotti su progetto di Marc'Antonio Pasi, detto Il Montagnana, fu utilizzato dagli estensi come dimora durante le battute di caccia nell'attiguo Bosco di Mesola. La delizia presenta un impianto architettonico a pianta quadrata con agli angoli quattro torri pentagonali merlate, circondato da edifici porticati. Rimase di proprieta' degli Estensi fino al 1771. Seguirono vari passaggi di proprieta' fino al 1952 quando passo' sotto il controllo dell'Ente Delta Padano ed ora e' in proprieta' della Provincia di Ferrara. Il castello ospita al 2º piano il Museo del cervo e del bosco della Mesola, con pannelli, studi e ricostruzioni dell'evoluzione e dell'habitat del cervo di Mesola, unica specie autoctona dell'Italia Peninsulare e presente unicamente all'interno della Riserva naturale Bosco della Mesola in circa 150 unita'. Al piano nobile e' allestita una mostra permanente sul territorio del Delta ed al piano terra vi sono pannelli informativi rappresentativi della storia del Castello nel corso dei secoli. Percorso con pulmino elettrico. L'itinerario con il pulmino elettrico parte dal Castello di Mesola (realizzato tra il 1578 ed il 1583 su volere di Alfonso II d'Este), uno dei 'luoghi chiave' per la conoscenza del Delta. Dopo aver visitato il Museo del Bosco e del Cervo, percorrendo via Biverare, uno splendido viale che si addentra nella campagna, si raggiunge il piccolo borgo di Santa Giustina. Successivamente si incontra Torre dell'Abate, simbolo della Grande Bonifica Estense. Si prosegue poi verso la Riserva Naturale Bosco della Mesola ed entrando nella parte ordinariamente preclusa al pubblico, si raggiunge prima l'Elciola e poi il Parco delle Duchesse

PARCO DEL DELTA DEL PO

PARCO DEL DELTA DEL PO  Apri
Loc. PRESA PISANA - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
27 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Ca' Tiepolo, Mesola, Scardovari
Gli itinerari in bicicletta sono percorsi attraverso un territorio incantato dove il fascino della natura intatta si sposa con quello di piccoli borghi e cittadine piu' o meno note, ricche di storia, cultura e tradizioni. L'acqua e' l'eterna protagonista della storia ferrarese, amica e nemica di genti che per millenni hanno vissuto a contatto col mare, i fiumi e le paludi. Nel corso di una contesa secolare la terra emersa, con l'avanzare delle coste o con l'ostinato lavoro di bonifica, e' stata trasformata in campi,intersecata da fossi, fiumi e canali. Terra e acqua sono i due elementi fondamentali da cui il territorio ferrarese trae la sua identita' e che insieme danno vita ad un paesaggio unico e suggestivo. Vivi la Natura con Gusto nel Parco del Delta del Po Emilia-Romagna! Ritorna l'appuntamento annuale con Primavera Slow, nel Parco del Delta del Po per un totale di 11 week-end, con eventi speciali all'insegna della scoperta della natura, dei luoghi piu' suggestivi, dei sapori della tradizione, della cultura e dell'arte del Delta emiliano-romagnolo. Molti gli appuntamenti di questa edizione, tra cui 'Green Days: Ravenna profuma di Parco e... di tartufo', verranno proposti nuovi itinerari lungo il Po di Volano con lo speciale 'Navigare e pedalare e' speciale'.Si svolge nel territorio da Ferrara a Mesola, Goro e Gorino, da Comacchio ad Argenta, dall'Oasi di Bando ad Ostellato con escursioni a piedi, in barca, in bicicletta, a cavallo, in pullmino elettrico alla scoperta del patrimonio naturalistico di una zona unica, in cui terra e acqua si mescolano dando luogo a scenari eccezionali, da scoprire 'in punta di piedi'. Spostandosi verso sud, nel ravennate, sara' possibile apprezzare luoghi affascinanti come la Pineta di San Vitale, la Pialassa della Baiona, la Pineta di Classe e le Saline di Cervia, luogo davvero unico e 'dimora' di numerose specie di uccelli, tra cui avocette, cavalieri d'Italia, fenicotteri e anatre. Oltre alle escursioni a piedi, in bicicletta e in barca, mancheranno poi le possibilita' di ingresso presso i centri visita Saline di Cervia, alla Casa delle Farfalle and Co. di Milano Marittima, al Palazzone di Sant'Alberto. Inoltre, l'antica Manifattura dei Marinati a Comacchio ospitera' due mostre di fotografia naturalistica: 'Il volo' a cura dei fotografi Delta in focus e la mostra delle immagini vincitrici del concorso Oasis Photo Contest 2010

COZZA DI SCARDOVARI D.O.P.

COZZA DI SCARDOVARI D.O.P.  Apri
Loc. SCARDOVARI RO, ITALIA - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
29 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Ca' Tiepolo, Presa Pisana, Mesola
Descrizione Coltivazione delle CozzeLa Cozza di Scardovari corrisponde alla specie alloctona Mytilus galloprovincialis, mollusco bivalve dalla forma allungata con conchiglia di colore nero-violaceo; le valve sono bombate, di forma quasi triangolare e presentano sottili striature concentriche. La raccolta delle Cozze di Scardovari avviene dal momento in cui il prodotto raggiunge la taglia minima commercializzabile di 5 cm; sono abbastanza frequenti esemplari di lunghezza superiore a 10 cm. L'intero processo di produzione e' gestito dal Consorzio Cooperative Pescatori del Polesine, una delle maggiori realta' italiane ed europee nell'allevamento e commercializzazione dei mitili. L'area tipica La Cozza di Scardovari e' prodotta con allevamenti su pali all'interno di un'area di 12 ettari data in concessione all'interno della Sacca degli Scardovari, vasto specchio d'acqua compreso tra le foci del Po di Gnocca e del Po delle Tolle. Si tratta di un ambiente lagunare di transizione dove la mitilicoltura viene praticata dalla fine degli anni '60, raggiungendo oggi elevati livelli di produttivita', grazie alla concomitanza di fattori ambientali che rendono quest'area particolarmente idonea a questa attivita'. In mare aperto, al largo delle zone di Rosolina e Scardovari, viene allevata su un'estensione complessiva di 1600 ettari, in impianti galleggianti (off-shore) con sistemi di allevamento in sospensione (long-line). Parametri nutrizionali Si tratta di un alimento ad alto valore nutritivo, ricco di proteine e di acidi grassi polinsaturi, importanti nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Garantisce inoltre un buon apporto di sali minerali, in particolare sodio, potassio e fosforo e di vitamine. La peculiarita' dell'ambiente delle lagune del Delta del Po conferisce alla cozza di Scardovari una qualita' decisamente superiore, e un sapore molto delicato. Stagionalita' e mesi suggeriti per il consumo Ne viene consigliato il consumo nel periodo che va da aprile a settembre. Da sapere La qualita' del prodotto e' strettamente collegata alla particolarita' della zona d'origine, che presenta caratteristiche uniche e peculiari, permettendo livelli di produttivita' molto elevati. Concorrono in particolare fattori climatici, come condizioni meteorologiche, radiazione solare, temperatura media annuale dell'acqua, fattori idrodinamici,come correnti in laguna, torbidita', apporti fluviali, maree, fattori biotici, come interazioni con comunita' esistenti in laguna. Tutti questi aspetti caratterizzano l'ambiente lagunare e conferiscono al mitilo una qualita' superiore e un sapore particolarmente delicato, apprezzati e riconosciuti anche in ambito europeo. Anche per la Cozza di Scardovari, come per la Vongola Verace, il processo produttivo e il sistema di gestione, l'ambiente naturale tipico del Delta del Po nell'area polesana, la corretta e attenta gestione dei vivai, le specifiche tecniche di raccolta e depurazione, determinano le eccezionali caratteristiche organolettiche e nutrizionali del prodotto, che risulta meno stressato, integro e conserva maggiore freschezza. Infatti, l'attivita' viene gestita nell'ottica della sostenibilita', con l'obiettivo di conservare le pratiche tradizionali e di rispettare e salvaguardare l'ambiente naturale, risorsa preziosissima per lo sviluppo economico dell'intero territorio polesano. La commercializzazione Il prodotto viene sottoposto a depurazione, pulizia e cernita prima del confezionamento; successivamente viene confezionato in un sacchetto a rete di plastica su cui viene apposta l'etichetta identificativa. Il prodotto confezionato e' stoccato in cella ad una temperatura di 6°C e viene avviato direttamente alla spedizione in giornata, o al massimo il giorno seguente, a seconda delle ordinazioni. Il Consorzio, certificato UNI 10939, usa un sistema di tracciabilita' on line che consente al commerciante e al consumatore finale di verificare l'origine del prodotto. La Cozza di Scardovari puo' essere acquistata presso i mercati ittici del territorio polesano o presso il punto vendita diretto del Consorzio Cooperative Pescatori a Scardovari

LUGO DI RAVENNA

LUGO DI RAVENNA  Apri
Loc. LUGO - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
41 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Cotignola, Conselice, Faenza
  Brochure PDF
La localita' e' situata nell'entroterra ravennate, a pochi chilometri dal mare Adriatico e dai primi rilievi dell'Appennino Romagnolo, fra Bologna e Ravenna. Perche' visitarla A guardarla dall'alto, la pianta di Lugo ricalca fedelmente il profilo di un aeroplano. Un caso fortuito, ma anche molto appropriato considerando che qui ebbe i natali il piu' antico e famoso eroe dell'aria italiano: Francesco Baracca. Percorrendo le stradine e le piazze del suo centro storico si respira un'atmosfera rarefatta mentre si possono seguire con lo sguardo linee architettoniche risalenti ad epoche diverse, in un arco di tempo che dal '500 arriva agli anni '30. Lugo merita una visita in tutti i periodi dell'anno per i suoi monumenti, per lo shopping e per le numerose manifestazioni sportive. Il monumento simbolo della citta' e' la Rocca Estense, oggi residenza municipale, il cui aspetto attuale risale alla fine del Cinquecento, salvo il mastio di Uguccione della Faggiola del 1298. Interessante la visita al giardino pensile cui si accede dal cortile interno. Di fronte alla Rocca si erge il Pavaglione, imponente quadriportico settecentesco un tempo sede del mercato dei bozzoli del baco da seta. Oggi ospita il mercato del mercoledi', con i suoi seicento anni di storia e numerosi eventi spettacolari. Di fianco alla Rocca si staglia il Monumento a Francesco Baracca (1936), asso dell'aviazione italiana durante la Grande Guerra, a cui la citta' natale ha dedicato l'omonimo Museo. Sul lato ovest del Pavaglione sorge il Teatro Rossini edificato tra il 1757 e il 1759 dall'architetto F. Petrocchi e completato nel 1761 da Antonio Galli Bibiena. Considerato il prototipo del teatro all'italiana, nel 1859 fu intitolato a Gioacchino Rossini. A poca distanza dal centro storico, in via di Giu', il Cimitero Ebraico attesta la presenza a Lugo di una numerosa comunita' ebraica dal &500 fino al secolo scorso. All'ingresso sud della citta', il quattrocentesco Oratorio di Croce Coperta ospita un interessante ciclo di affreschi, riconducibili alla scuola ferrarese dei secoli XV e XVI.

PARK OF THE PO DELTA

PARK OF THE PO DELTA  Apri
Loc. PORTO TOLLE, ROVIGO, ITALY - VENETO  Navigatore
29 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Ca' Tiepolo, Presa Pisana, Mesola
  Brochure PDF
Il Delta del Po, in provincia di Rovigo, e' una delle oasi naturalistiche piu' suggestive d'Italia e la piu' vasta zona umida europea. Il dolce gigante, come viene chiamato il Po, prima di sfociare nell'Adriatico si apre a ventaglio ramificandosi in sette corsi d'acqua, dando vita ad un ambiente naturale unico. Il piu' selvaggio, il Po di Maistra, offre l'occasione di visitare la splendida oasi della golena di Ca' Pisani. Incantevoli paesaggi si susseguono lungo il ramo di Venezia, il principale, con i suoi bacini fluviali, gli scanni lagunari, isolotti sabbiosi, e i vasti canneti. Navigando sul Po di Goro si ripercorre la millenaria storia della bonifica, mentre alla foce del Po di Tolle, dove il fiume abbraccia il mare, si trova la Sacca di Scardovari, luogo di allevamento di prelibate cozze e vongole. Ogni ramo del fiume riserva scenari diversi, caratterizzati all'alba da brume rarefatte che regalano un'atmosfera ovattata, al tramonto dal riverbero rossastro del sole. Un patrimonio ornitologico che conta oltre 370 specie tra uccelli stanziali, di passo e migratori rende quest'area meta abita per gli amanti del birdwatching. I modi per vivere il Parco sono davvero molti: passeggiate a piedi, gite a cavallo, tour in barca, escursioni in bici. Per i turisti sono stati attrezzati numerosi musei e centri di visita, tra tutti la grande Idrovora di Ca' Vendramin, ora Museo della Bonifica e il Giardino Botanico Litoraneo, a Rosolina, dichiarato Sito di Importanza Comunitaria (S.I.C.). Per gli amanti della pesca c'e' poi la possibilita' di trascorrere una giornata tra i canneti a bordo di piccole imbarcazioni, sostare poi nelle cavane, tipici casoni dei pescatori e gustare il pesce pescato. I Comuni del Parco: Adria, Ariano nel Polesine, Corbola, Loreo, Papozze, Porto Tolle, Porto Viro, Rosolina, Taglio di Po

ANELLO DELLA DONZELLA

ANELLO DELLA DONZELLA  Apri
Loc. PORTO TOLLE, ROVIGO, ITALY - VENETO  Navigatore
29 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Ca' Tiepolo, Presa Pisana, Mesola
  Brochure PDF
Argini cosi' possenti da essere piu' alti delle abitazioni, una piacevole brezza marina e una luce diffusa: sono queste le suggestioni che si incontrano in localita' Ca' Tiepolo a Porto Tolle, punto di partenza dell'escursione, nel cuore del Delta del Po. Lasciate alle spalle le ultime case del paese, si sale sull'argine destro del Po di Venezia, il ramo principale del fiume, e lo si segue fino a Tolle. Osservando per qualche istante il lento fluire delle acque, il pensiero corre ai ghiacciai del monte Monviso, ad oltre 650 chilometri di distanza, da dove scaturiscono le sorgenti del fiume piu' importante e lungo d'Italia. Quando il ramo di Venezia si biforca, si segue l'argine del Po di Tolle fino quasi alla sua foce, dove si trova Scardovari, paese di pescatori sede di un grande mercato ittico. Oltrepassato Bonelli, borgo dalle tipiche case deltizie ad un solo piano dai grandi camini a dado, raggiungiamo la spiaggia e il villaggio turistico di Barricata, localita' frequentata d'estate da turisti alla ricerca di relax nella natura incontaminata. Sulla strada che costeggia la Sacca degli Scardovari si pedala in compagnia di gabbiani, beccacce, sterne e tuffetti che sfrecciano in evoluzioni aeree sorprendenti. In estate l'aria si carica di profumi marini e l'orizzonte delle tonalita' rosate delle tamerici. Da queste terre anfibie, l'uomo ha saputo da sempre cogliere il meglio. I colori nelle vaste campagne derivanti dalle grandi bonifiche idrauliche del secolo scorso invece cambiano al variare dei mesi: il verde dei campi coltivati a riso si alterna al giallo dorato del grano maturo. I canneti delle velme e delle barene della foce, lasciano il posto alle cavane della Sacca. Qui i pescatori svolgono il loro lavoro basato principalmente sull'allevamento dei mitili, dei quali la cozza rappresenta uno dei prodotti di eccellenza del Polesine. Nell'Oasi di Ca' Mello una sosta presso il centro visite della Regione Veneto consente di acquisire preziose informazioni sull'ambiente, sull'agricoltura e sulla pesca del Delta del Po. Proseguendo si trova il Biotopo Val Bonello. Lungo la via del ritorno si lambisce l'argine sinistro del Po di Donzella, si passa per le frazioni di Cassella, Gnocca e Donzella (dove si scorgono alcuni bei palazzi padronali) e si raggiunge agevolmente il punto di partenza. Allungando di circa 17 chilometri il percorso (vedi variante), si percorre interamente la Sacca e giunti in localita' S. Giulia, si attraversa uno dei tre caratteristici ponti di barche che si trovano nel Delta del Po. Passati sull'argine destro del Po della Donzella, si risale il fiume fino a raggiungere Ca' Vendramin dove e' possibile visitare il Museo Regionale della Bonifica che ha sede in una idrovora degli inizi del secolo scorso. Da qui si prosegue per Ca' Tiepolo.

PARCO REGIONALE DEL DELTA DEL PO

PARCO REGIONALE DEL DELTA DEL PO  Apri
Loc. PARCO REGIONALE DEL DELTA DEL PO, COMACCHIO FE, ITALIA - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
15 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Mesola, Presa Pisana, Ca' Tiepolo
Nel profilo indiscutibilmente unico del Delta del Po c'e' il territorio creato sia dalla sedimentazione del fiume, che dall'opera dell'uomo che nei secoli ne ha regimentato le acque e bonificato i terreni. Nell'area del Delta, natura, storia, tradizione, cultura ed arte si intrecciano, offrendo al visitatore un paesaggio inedito e sorprendente. Nel Delta si distinguono vari ambienti, ognuno con caratteristiche peculiari: la campagna con i paleoalvei, le dune fossili, gli argini, le golene, le valli da pesca, le lagune o sacche e gli scanni

ALBARELLA

ALBARELLA  Apri
Loc. ROSOLINA ROVIGO, ITALY - VENETO  Navigatore
42 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Isola Albarella, Rosolina Mare, Ca' Tiepolo
L'isola di Albarella si e' sviluppata piu' tardi e ha integrato le caratteristiche di Rosolina Mare per soddisfare esigenze piu' sofisticate: oltre agli alberghi a due e quattro stelle e a vari tipi di ville, rispetto ai servizi che si trovano a Rosolina Mare, Albarella aggiunge un teatro-tenda per gli spettacoli e le manifestazioni culturali, e l'attrezzatura per una piu' vasta gamma di attivita' sportive (golf 18 buche, centro ippico, centro sportivo, tiro con l'arco, vela, sci nautico, pallanuoto, pattinaggio, calcio, pallavolo, pallacanestro). Il porto turistico e' in grado di ospitare fino a 500 imbarcazioni da 6 a 25 metri. Il litorale di Rosolina e' una sottile striscia di sabbia lunga 9 chilometri a forma di lambda unita alla terraferma da una esigua striscia di terra e circondata da tutti i lati dall'acqua: l'Adige, le valli da pesca e l'Adriatico. Per buona parte e' coperta da una fitta pineta piantata in due tempi dai servizi forestali durante i rimboschimenti di circa 60 e 40 anni fa, e da un bosco mediterraneo di lecci e roverelle, per un totale di 172 ettari di superficie boschiva. L'arenile e' stato ben sfruttato turisticamente e oggi Rosolina Mare e' una stazione balneare molto dinamica e attrezzata. Merita pero' di essere conosciuta anche nelle stagioni cosiddette morte per le sue bellezze naturalistiche tra cui primeggia il giardino botanico di Porto Caleri. Nel centro di Rosolina Mare e' situato l'ufficio dell'Azienda di Promozione Turistica per eventuali informazioni; le possibilita' di escursioni sono molteplici, dalla semplice passeggiata alle pedalate in bicicletta nella rigogliosa pineta.

ROSOLINA MARE

ROSOLINA MARE  Apri
Loc. ROSOLINA MARE ROVIGO, ITALY - VENETO  Navigatore
41 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Isola Albarella, Rosolina Mare, Ca' Tiepolo
L'ampiezza delle spiagge, la varieta' dell'offerta turistica e l'eccezionalita' dell'ambiente del Delta del Po, qualificano la localita' balneare rodigina frequentata da giovani e famiglie. Un sottile nastro di sabbia che si estende per nove chilometri tra il mare Adriatico e le lagune settentrionali del Delta del Po, l'arenile di Rosolina Mare presenta caratteristiche peculiari sia dell'ambiente marino sia di quello fluviale. E' una localita' balneare giovane, infatti comincia a svilupparsi solo intorno agli anni Sessanta sfruttando le notevoli potenzialita' turistiche legate alla sua posizione, con particolare attenzione alla salvaguardia del valore ambientale della zona. La fitta e rigogliosa pineta, assieme al bosco mediterraneo di lecci e roverelle, costeggia le dune che delimitano la spiaggia offrendo 172 ettari di superficie alberata, tranquillo rifugio per pic-nic e momenti di relax. Le vicine lagune con le valli da pesca sono attrezzate, fin dai tempi antichi, per l'allevamento di alcune specie ittiche. Se numerose sono le strutture ricettive messe a disposizione dalla localita' rodigina, altrettanto numerose sono le occasioni per praticare sport: piscine, biciclette a noleggio, campi da tennis, maneggi e l'attracco turistico di Porto Fossone impegnano le giornate di sole degli sportivi in villeggiatura a Rosolina. Numerosi gli spunti anche per partire alla scoperta delle affascinanti bellezze naturalistiche e storiche che circondano Rosolina Mare come, ad esempio, il Giardino Litoraneo Botanico di Porto Caleri e i casoni, vere e proprie testimonianze etnografiche e architettoniche. Mentre ristoranti e locali tipici riservano la cordiale ospitalita' del posto regalando piatti prelibati a base di pesce e frutti di mare. A pochi passi da Rosolina Mare si trova l'isola di Albarella che vanta un arenile di oltre 2 chilometri e mezzo, lento nel declinare al mare e, per lunghissimi tratti deserto, che si specchia in un'acqua verde e trasparente sul versante lagunare. Alle spalle dell'isola seicento ettari di bosco coperti dalla macchia mediterranea. Albarella possiede anche un Porto capace di circa cinquecento posti barca e un campo da golf tra i piu' belli d'Italia.

WWF: OASI DUNE FOSSILI DI MASSENZATICA

WWF: OASI DUNE FOSSILI DI MASSENZATICA  Apri
Loc. MESOLA FERRARA, ITALY - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
24 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Presa Pisana, Ca' Tiepolo, Codigoro
Le Dune Fossili di Massenzatica sono l'ultimo relitto di un'antica linea dunale costiera. Un ambiente fragile di circa 3000 anni fa, che finora ha resistito al tempo e alle aggressioni al territorio circostante. La Riserva Naturale si trova nel Comune di Mesola (Fe) e, in piccola parte, nel Comune di Codigoro (Fe). Rientra nel Sito d'Importanza Comunitaria Zona di Protezione Speciale «Dune di Massenzatica». L'Oasi WWF si estende alla parte piu' significativa dell'area, di 37,20 ha., di proprieta' pubblica, della Provincia di Ferrara. Le Dune Fossili di Massenzatica sono l'ultimo relitto di un'antica linea dunale costiera. Un ambiente fragile di circa 3000 anni fa, che finora ha resistito al tempo e alle aggressioni al territorio circostante, un complesso di dune sabbiose consolidate, alte fino a 8 mt. sul livello del mare, emergenti nel paesaggio orizzontale della bonifica. Ambiente L'Oasi e' Riserva Naturale Orientata regionale. Conserva l'ultimo relitto di un'antica linea dunale costiera, di circa 3000 anni fa, piu' interna di almeno 12 km rispetto alla riva attuale dell'Adriatico. E' un complesso di dune sabbiose consolidate, alte fino a 8 mt., emergenti nel paesaggio orizzontale della bonifica. L'estensione e' di 50 ettari. Flora e fauna Sui pendii e sulle cuspidi delle dune si osservano i tipici popolamenti vegetali dei prati aridi sabbiosi, con forasacco dei tetti, grano villoso, scabiosa argentea, polio, fumana e presenze anche rare come il fiordaliso vero, l'arabetta glabrescente, il pani'co articolato, la granata arenaria, la costolina glabra Nelle depressioni intradunali e' frequentissima la felce aquilina e presente la rara erba lucciola minore. Nelle ampie macchie arbustive si rinvengono diverse specie, anche termofile, come asparago pungente e pungitopo. Presenti la volpe e il tasso e svariati uccelli, tra i quali da segnalare almeno il gruccione, il rigogolo e la sterpazzola. Numerose le farfalle diurne, tra cui le vanesse e le rarissime polissena e licaena delle paludi.

WWF: OASI GOLENA DI PANARELLA

WWF: OASI GOLENA DI PANARELLA  Apri
Loc. PAPOZZE ROVIGO, ITALY - VENETO  Navigatore
35 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Adria, Ceregnano, Mesola
  Brochure PDF
Dal bosco igrofilo alla foresta planiziale, un trionfo di biodiversita'. L'Oasi Golena di Panarella si trova nel Comune di Papozze (Ro). Considerata la 'Porta' del Parco Regionale veneto del Delta del Po, essendo collocata in prossimita' della prima diramazione del fiume Po, con i suoi 50 ettari complessivi (25 dei quali in gestione al WWF) e' una delle piu' vaste e conosciute golene del basso corso del Po. Un'area estremamente diversificata dal punto di vista ambientale, in quanto riassume le fasi evolutive di una zona umida, dagli stagni profondi, al prato umido, al prato arido. Dal bosco igrofilo allagato di salici, alla foresta planiziale dominata da farnia, pioppo bianco, frassino e olmo. Quest'ultima e' difficilmente riscontrabile nelle altre golene del basso corso del Po e con estensioni ben inferiori. Ambiente E' una zona estremamente diversificata dal punto di vista ambientale, in quanto riassume le fasi evolutive di una zona umida, dagli stagni profondi, al prato umido, al prato arido. Dal bosco igrofilo allagato di salici, alla foresta planiziale dominata da farnia, pioppo bianco, frassino e olmo. Quest'ultima e' difficilmente riscontrabile nelle altre golene del basso corso del Po e con estensioni ben inferiori. Flora e fauna La diversita' degli ambienti ha attirato una grande varieta' di uccelli nidificanti, svernanti e di passo; molte anche le specie di anfibi, dalla rana dalmatina, al tritone crestato. Nei canneti si osservano la cannaiola verdognole, il cannareccione, il basettino, migliarino di palude, tarabusino, porciglione, tarabusino e airone rosso. Nelle depressioni umide si trovano varie specie di anfibi ed e' osservabile la testuggine palustre. Sopra i salici pendolino, usignolo, rigogolo (simbolo dell'Oasi) e la capinera. Nel bosco maturo si riscontrano varie specie di picidi, il cardellino, verdone, verzellino, saltimpalo, averla piccola, in inverno nei prati la pavoncella. Assai abbondante ogni anno e' la popolazione di gruccione. Tra i rapaci diurni Poiana, Falco di palude e durante la stagione fredda, l'Albanella reale

CONSELICE

CONSELICE  Apri
Loc. CONSELICE RAVENNA, ITALY - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
40 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Argenta, Lugo, Cotignola
La storia di Conselice e' assai ricca di eventi e personaggi che, piu' di ogni altra cosa, hanno contribuito alla fama del comune. Conselice nasce, con ogni probabilita', come dimostrano i numerosi ritrovamenti di fossili marini, sul limitare di una vasta zona lagunare e, sin dalle sue origini, dimostra la propria importanza strategica divenendo un importante crocevia per i commerci. Questo porto di acque interne, chiamato 'Caput Sicilis', venne cosi' collegato con il vicino centro che oggi conosciamo come Imola, attraverso una grande strada pavimentata con pietroni di selce, la quale, presso i romani, prese il nome di 'Appia Selee Strata'. La probabile presenza di canali navigabili da piccole imbarcazioni e la vicinanza del Po di Prima, hanno portato a pensare che l'attuale Conselice, sotto il dominio romano, rappresentasse proprio il porto di Imola, rivestendo cosi' un ruolo di primaria importanza per la vicina citta'. Conselice potrebbe essere definito uno dei luoghi ideali per una vacanza all'insegna del divertimento: manifestazioni, eventi annuali ed appuntamenti ormai entrati nella tradizione si accostano a siti di interesse storico e luoghi di divertimento, il tutto in un mix esplosivo che rende questo comune ravennate una tra le mete turistiche piu' amate e conosciute d'Italia. Il Mulino di S. Patrizio, invece, adatto a grandi e piccini, e' ospitato lungo il Canale dei Mulini, che collega il comune con la vicina Imola, e puo' essere ammirato nella sua struttura originaria a due piani. Da non dimenticare poi la Chiesa di San Martino che, edificata in un sobrio stile neoclassico, sulle rovine di un antica chiesa romanica, ospita due dipinti di grande pregio tra cui si ricorda la 'Madonna con bambino dormiente'. Ma il vero cuore pulsante di Conselice e' probabilmente il divertimento, a cui l'ospitalita' ed il calore degli abitanti fanno da contorno per un risultato davvero strepitoso.

RAVENNA

RAVENNA  Apri
Loc. RAVENNA, ITALY - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
33 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Cervia, Cotignola, Lugo
Ravenna e' uno dei capoluoghi di provincia emiliani ed e' situata nella pianura nord-orientale della regione a pochi chilometri dal Mar Adriatico tanto che anticamente fu una citta' di mare. Oggi e' un importante centro industriale sebbene conservi un grande interesse turistico grazie soprattutto ai famosi monumenti e mosaici bizantini. Ravenna fu un insediamento prima etrusco poi umbro e venne colonizzata dai Romani nel sec. II a.C. Nel 402 fu scelta da Onorio come capitale dell''Impero Romano d''Occidente e divenne un punto di passaggio fra la cultura bizantina e quella romana. Con la caduta dell''impero Ravenna divenne capitale dei regni di Odoacre e Teodorico e dal 553 al 751 fu il simbolo del potere bizantino in Italia. l''invasione dei Longobardi nel 540 segno' la fine dell''unita' politica dell''Italia bizantina e da qui comincio' un periodo di degrado anche per Ravenna. La citta' riacquisto' il suo vecchio splendore con l''avvento dei veneziani nel &400 che realizzarono molte opere architettoniche ed urbanistiche. Con i tre secoli di dominio dello Stato Pontificio a partire dal XVI la citta' cadde in un nuovo stato di abbandono, a parte qualche intervento nel corso del &700 come l''apertura del porto-canale Corsini e la deviazione dei corsi dei fiumi Ronco e Montone. Dopo la seconda guerra mondiale si scoprirono giacimenti di metano che, pur creando danni ambientali, favorirono il nuovo sviluppo della citta'

TRESIGALLO

TRESIGALLO  Apri
Loc. TRESIGALLO-FINAL DI RERO - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
32 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Voghiera, Papozze, Argenta
Considerato uno dei piu' antichi centri della provincia di Ferrara, il Borgo Autentico di Tresigallo e' situato a meta' strada tra l'antica citta' estense e i suoi lidi, in un territorio dove arte, gastronomia e antichi saperi artigiani, si fondono per creare un piccolo centro culturale, vero e proprio gioiello della pianura orientale. Tresigallo si estende su una superficie di circa 20 kmq e comprende le frazioni di Final di Rero, Rero e Roncodiga'. Il paese gode di una particolare notorieta' a partire dal 1930 quando, su impulso di Edmondo Rossoni, viene completamente ricostruito con architetture razionaliste: per tale motivo Tresigallo ha ottenuto la denominazione di Citta' d'Arte, quale esempio di citta' di nuova fondazione, caratterizzata dalla modernita' architettonica e urbanistica. Oggi Tresigallo 'Citta' del Novecento', emerge per la sua unicita' tra le citta' di nuova fondazione. Caratterizzata dalla contemporaneita' e dallo stile architettonico e urbanistico razionalista, e' l'applicazione su scala reale delle teorie di scuola tedesca sulla progettazione democratica della 'citta' nuova'. Esempio architettonico di interesse attuale per esperti e studiosi della materia, Tresigallo rappresenta una felice, quanto assolutamente solitaria esperienza di architettura, uno dei pochi esempi rimasti di citta' la cui fondazione e' stata progettata a tavolino, un patrimonio di suggestioni sociali quale solo una quinta teatrale 'vivente' puo' suggerire. Tresigallo che per la sua particolarita' riconoscibile, legata a un periodo storico preciso, ha ottenuto il riconoscimento di 'Citta' d'arte' e', nella sua interezza, un bene storico e culturale e come tale deve essere rivalutato e difeso. Per questi motivi, ha ottenuto l'interesse da parte del CE.S.A.R. di Roma (centro studi sull'architettura razionalista) che ha pubblicato un monografico esclusivo (in formato poster pieghevole) contenente diverse foto e informazioni storiche, architettoniche e urbanistiche sulla cittadina

PIEVE DI SAN GIORGIO

PIEVE DI SAN GIORGIO  Apri
Loc. ARGENTA - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
36 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
Altitudine: -0 mt. s.l.m.  Area Conselice, Voghiera, Lugo
La pieve di San Giorgio sorge isolata sulla destra del fiume Reno, non lontano dal centro abitato di Argenta; e' uno dei monumenti piu' significativi della provincia di Ferrara. Durante tutto l'alto Medioevo era stata un punto di riferimento istituzionale ed amministrativo per gli abitanti del territorio. Lo storico Andrea Agnello nel Liber Pontificalis Ecclesia Ravennatis ne tramanda la data di costruzione attorno al 569-570. La prima attestazione della presenza nella chiesa del fonte battesimale e' del 1022; cento anni dopo la pieve fu ristrutturata: di quell'intervento resta il portale marmoreo romanico con la raffigurazione dei mesi sugli stipiti ed il martirio di San Giorgio nella lunetta. Un'iscrizione in versi lo dice realizzato nel 1122 da Giovanni di Modigliana. Il declino di san Giorgio inizio' a meta' del XIII secolo, quando i depositi alluvionali avevano pressocche' interrato la zona e si decise di trasferire il fonte battesimale nella chiesa di San Nicolo' di Argenta. Le ricerche e gli scavi condotti tra il 1982 ed il 1986 hanno permesso di ricostruire la storia e la fisionomia della pieve

LOTUS GREEN AREA

LOTUS GREEN AREA  Apri
Loc. LUGO - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
42 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
Altitudine: 13 mt. s.l.m.  Area Cotignola, Conselice, Faenza

The natural reserve Parco del loto, which is 77.252 square metres wide, is close to the town centre but still quite and in a very well protected site. The green are is characterized by a wide pond in which lotus flowers and water-lilies grow freely creating a beautiful natural environment. This land is a private property that has been left wild and donated to the municipality of Lugo; after six years it has developed into a natural area with wild flora and small woods. The bush has the typical hydric plants and characteristics: the bush is open to light, adult trees grows strongly, there are bushes of different sizes and plants of different ages. Thanks to the peculiar climate which characterizes this environment, the area shortly reached a natural and wild aspect and structure. Address: Via Brignani, 9/1 - via Foro Boario, 42/3 - Lugo - 48022 (RA) Tel: 0545 38444 - 38559 Information Office

SPIAGGIA DI ALBARELLA

SPIAGGIA DI ALBARELLA  Apri
Loc. ISOLA ALBARELLA RO, ITALIA - VENETO  Navigatore
43 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Rosolina Mare, Rosolina, Chioggia
La spiaggia situata esattamente di fronte al Centro Sportivo si contraddistingue per un arenile di sabbia finissima, lentamente digradante verso il mare. Si tratta di una spiaggia attrezzata dotata di ombrelloni, lettini e sdraio. Nelle immediate vicinanze si snodano anche due grandi tratti di spiaggia libera. Sulla spiaggia sono presenti vari spazi, a utilizzo libero, per praticare Beach Volley, Beach Tennis e poco distante si trova un'area adibita per il Beach Soccer. Inoltre nella parte di spiaggia libera, verso la diga, trova la sua collocazione naturale il centro velico dell'isola

VIA DEL MARE: ADRIA - ROSOLONA MARE - CHIOGGIA

VIA DEL MARE: ADRIA - ROSOLONA MARE - CHIOGGIA  Apri
Loc. ADRIA ROVIGO, ITALY - VENETO  Navigatore
42 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Papozze, Ceregnano, Rosolina
  Brochure PDF
Il lungo litorale veneto e' caratterizzato da paesaggi in cui domina l'elemento 'acqua': dagli scenari del Delta del Po alle valli da pesca, raggiungendo la Laguna di Venezia dopo aver attraversato le foci dei fiumi Adige e Brenta, e poi verso la parte orientale della costa, con le lunghe spiagge di sabbia dorata, dove si attraversano i fiumi Sile, Piave, Livenza e infine Tagliamento. L'itinerario parte dal centro storico di Rovigo, citta' dalle numerose testimonianze di un passato fiorente. Da Rovigo ci si dirige verso Adria (Rovigo) e il Delta del Po, un'area popolata da numerose specie di uccelli acquatici - in particolare il fenicottero rosa - che hanno stabilito il loro habitat tra le canne palustri e i salici. Dal Delta del Po si risale poi verso Chioggia (Venezia), la piccola Venezia. Si raggiunge poi il tratto di litorale rinomato per le lunghe spiagge di fine sabbia dolomitica e le verdi pinete, meta prediletta dei tanti turisti che ogni estate affollano i campeggi e le strutture alberghiere di Treporti, Cavallino, Jesolo, Eraclea Mare, Caorle. Dopo aver ammirato l'incantevole Santuario della Madonna dell'Angelo a Carole si riparte verso le tappe conclusive dell'itinerario, lungo piste ciclabili che attraversano paesaggi agresti, rigogliose pinete e animati centri abitati, per terminare una volta giunti al faro di Bibione, alla foce del Tagliamento

CHIESA DI SAN FRANCESCO

CHIESA DI SAN FRANCESCO  Apri
Loc. COTIGNOLA - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
44 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
Altitudine: 17 mt. s.l.m.  Area Lugo, Faenza, Conselice

The church, built in Gothic Roman style, was built in the decade 1484-1494 following the Papal bull dated June the 6th 1484. The consecration is dated 1495. The church preserves the uncorrupted corpse of the Blessed Antonio Bonfadini, who died in 1482 and is known as Cotignola Saint. Worth of mention are some frescoes, survived to war's damages: the two angels holding Biancoli family coat of arms of an anonymous XVI century artist; the fresco depicting the Pieta attributed to Gerolamo Marchesi, on the original site above the entrance door of the left nave, today only the sinopsis remains, while the fresco is currently placed above the main altar; finally it can't be forgotten a fanlight depicting the Pieta' which represents the final part of an altarpiece carried out by the Zaganelli brothers (XV c.), now kept in the Brera Galley in Milan, one of the main art museums in Italy. Via San Francesco, 15 - Cotignola - 48010 (RA) Tel: 0545 40155, info - Convento di San Francesco

AGLIO DI VOGHIERA

AGLIO DI VOGHIERA  Apri
Loc. VOGHIERA - EMILIA ROMAGNA  Navigatore
42 Km da HOLYDAY VILLAGE FLORENZ
  Area Tresigallo-final di Rero, Ferrara, Argenta
  Brochure PDF
L'aglio di Voghiera viene coltivato in una area limitata e precisamente individuata, ricadente, nel piccolo comune di Voghiera, Ferrara ITALIA, ed in piccola parte sui comuni confinanti e' un prodotto di nicchia, che rappresenta una vera e propria prelibatezza del nostro territorio.Il bulbo e' di ottima pezzatura, omogenea, compatto, il colore e' bianco e lucente, il profumo delicato e intenso, molto gradevole, conferisce ai cibi grande carattere.Allo scopo di far conoscere le proprieta' di questa pregiata pianta, l'Amministrazione Comunale locale ha attivato iniziative per la promozione favorendo, tra l'altro, la costituzione del Consorzio Produttori Aglio di Voghiera, che ha lo scopo di tutelare la genuinita' del prodotto e fornire l'assistenza tecnica agli associati al fine di ottenere, sempre, un prodotto sano garantito e che risponde alle caratteristiche organolettiche proprie dell'aglio Voghiera D.O.P. La 'denominazione di origine protetta' (D.O.P) e' stato un importante riconoscimento attribuito della Comunita' Europea. La produzione deve avvenire nel rispetto di un rigoroso disciplinare che prevede norme comportamentali da seguire dalla semina al confezionamento, prescrivendo tra l'altro che tutte le operazioni debbano essere rigorosamente effettuate all'interno dell'area delimitata. Oltre ovviamente alla produzione, anche la preparazione ed il confezionamento. Tutto questo perche' oltre al terreno al clima e' di fondamentale importanza,il legame con il territorio, la tradizione nella coltivazione e nella preparazione cioe' quello che le maestranze si tramandano da generazioni, tanti piccoli 'segreti' che rendono grande l'aglio di Voghiera

Escursioni e attrazioni in EMILIA ROMAGNA vicino a LIDO DEGLI SCACCHI Codigoro Mesola Presa Pisana: 'MESOLA E LA TENUTA ESTENSE'   'PARCO DEL DELTA DEL PO'   'COZZA DI SCARDOVARI D.O.P.'   'LUGO DI RAVENNA'   'PARK OF THE PO DELTA'   'ANELLO DELLA DONZELLA'   'PARCO REGIONALE DEL DELTA DEL PO'   'ALBARELLA'   'ROSOLINA MARE'   'WWF: OASI DUNE FOSSILI DI MASSENZATICA'   'WWF: OASI GOLENA DI PANARELLA'   'CONSELICE'   'RAVENNA'   'TRESIGALLO'   'PIEVE DI SAN GIORGIO'   'LOTUS GREEN AREA'   'SPIAGGIA DI ALBARELLA'   'VIA DEL MARE: ADRIA - ROSOLONA MARE - CHIOGGIA'   'CHIESA DI SAN FRANCESCO'   'AGLIO DI VOGHIERA'  

EMILIA ROMAGNA


Emilia deriva dalla strada Emilia che fu costruita nel sec. II a.C dai Romani e collegava L'Adriatico alla Pianura Padana. Anche il nome Romagna ha origini romane. Distesa tra il corso del Po a nord ed i rilievi appenninici a sud, questa regione è considerata tra le più fertili e produttive d'Italia, grazie anche all'influsso del Mar Adriatico che mitiga il clima nella zona costiera. Grazie a questo contrasto tra la montagna ed il mare l'Emilia Romagna offre al visitatore paesaggi mozzafiato, meraviglie per gli occhi e per lo spirito in un misto di colori e profumi della terra, di allegria, di musica, di cinema, di arte. Gli amanti del mare, del sole e del divertimento scelgono la Riviera Romagnola, con la spiaggia più lunga d'Europa. Qui possono usufruire di strutture attrezzate anche per lo sport ed il tempo libero. Località come Rimini, Riccione, Cattolica sono sinonimo di ottima accoglienza turistica, relax e tanto divertimento. Si possono poi ammirare le bellezze dell'Appennino, magari visitando Parma e Piacenza oppure passeggiando a cavallo o a piedi tra gli splendidi parchi e le meravigliose riserve naturali. Spazio anche al benessere con un'ampia offerta di centri termali, tra cui spiccano quelli di Salsomaggiore e di Bagno di Romagna. La cultura artistica ha trovato terreno fertile in questa terra e vi ha piantato le sue profonde radici. Lo testimoniano le opere di Verdi e la poesia del Pascoli fino ad arrivare al cinema dell'inconfondibile Fellini, entrato nel mito grazie ai suoi tanti capolavori, le cui sceneggiature hanno preso vita in questi luoghi. In Emilia Romagna è possibile divenire spettatore in qualsiasi posto; resta solo da scegliere lo spettacolo da una lista senza fine.

Da Vedere: Oltre alle città d'arte principali ci sono in Emilia Romagna moltissimi centri 'minori' di interesse storico ed artistico fra cui segnaliamo: Brisighella in provincia di Ravenna: Il Borgo si trova ai piedi di una roccia a tre spuntoni di cui uno regge la torre dell'orologio, l'altro la rocca ed il terzo un santuario mariano. Dozza: un piccolo borgo medievale immerso nelle colline imolesi, molto piccolo ma caratteristico per gli affreschi che si trovano all'esterno delle abitazioni civili realizzate da artisti locali. Bertinoro: Un antico borgo medievale sito in posizione panoramica, dove si possono visitare la rocca, il palazzo comunale e la cattedrale del cinquecento. Parco del Delta del Po': Il Parco è stato istituito nel 1988 e comprende le province di Ferrara, Ravenna oltre a nove comuni . Al suo interno il parco racchiude interessanti testimonianze non solo naturalistiche e paesaggistiche ma anche artistiche. Dal punto di vista faunistico esistono nel parco oltre 300 specie di uccelli ed alcuni mammiferi fra cui il 'cervo delle dune'. L'Appenino Tosco-Emiliano con la famosa località sciistica di Corno alle Scale dove si trovano i graziosi paesini di montagna come Lizzano in Belvedere e Sestola. Le rinomate località balneari di Rimini, Riccione, Cervia, Milano Marittima Cattolica e Cesenatico. Degno di nota è il porto di Cesenatico che fu costruito nel &300 dove sono riunite in un tratto del canale barche tradizionali antiche dalle vele colorate. Le molteplici località termali fra cui segnaliamo quella più esclusiva di Salsomaggiore Terme che offre un ambiente in stile liberty ricco di parchi e zone verdeggianti.

Gastronomia e Vini: L'Emilia Romagna ha una tradizione culinaria ricca di piatti fantasiosi, fra i più famosi troviamo i 'tortellini' che sono il fiore all'occhiello dei svariati tipi di pasta fatti rigorosamente in casa. I tortellini vengono condititi con ragù alla bolognese o cotti in brodo. Altro piatto tipico sono le 'lasagne', condite con ragù e besciamella e cotte al forno. Nonostante l'Emilia Romagna sia famosa per i primi piatti, troviamo anche secondi tipici come i 'pisarei e fasiò' e il 'cappello del prete'. C'è poi da ricordare la piadina romagnola un pane molto sottile di forma rotonda che viene spesso mangiato con salumi o formaggi locali. I prodotti più famosi a livello mondiale che vengono associati non solo all'Emilia Romagna ma all'Italia intera sono il prosciutto di Parma, il formaggio Parmigiano e l'aceto balsamico di Modena. Fra i vini troviamo il Lambrusco, un vino rosso spumeggiante sia dolce che secco, ed il Sangiovese. Anche se i rossi prevalgono si può bere anche un buon bianco come il Trebbiano, il Cabernet e l'Albana.