Please, enable JavaScript on your browser
convento di novole - eventi manifestazioni sagre a cortona

 AGRITURISMO CONVENTO DI NOVOLE

AGRITURISMO
CONVENTO DI NOVOLE

Eventi, manifestazioni e sagre vicini a CORTONA Isola Maggiore Passignano Sul Trasimeno Castiglione del Lago

OCIO E MACCHERONI

OCIO E MACCHERONI  Open
Data prevista evento: Giugno 2018
Loc. RUSCELLO AR, ITALIA - TOSCANA  Navigatore
26 Km da CONVENTO DI NOVOLE
Altitudine: 255 mt. s.l.m.  Area Arezzo, Piantravigne, Sansepolcro
E' dal 1992 che il Comitato della Civilta' Contadina di Ruscello organizza un evento volto alla valorizzazione delle tradizioni contadine e della gastronomia aretine. Il menu' della sagra prevede vari piatti tipici come maccheroni al sugo d'ocio, ocio al forno, colli ripieni e cipolle d'ocio. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

MOSTRA SCAMBIO 'AMICI DEL PEPERONCINO'

MOSTRA SCAMBIO 'AMICI DEL PEPERONCINO'  Open
Data prevista evento: Settembre 2017
Loc. PERUGIA, ITALIA - UMBRIA  Navigatore
39 Km da CONVENTO DI NOVOLE
  Area Deruta, Papiano, Assisi
L'Associazione Culturale ''Il Campo dei Miracoli'' Presenta una giornata davvero PICCANTE,aperta a tutti gli amanti del Peperoncino Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

DU' PICI SOTTO LE STELLE

DU' PICI SOTTO LE STELLE  Open
Data prevista evento: Giugno 2018
Loc. CHIANCIANO SI, ITALIA - TOSCANA  Navigatore
28 Km da CONVENTO DI NOVOLE
Altitudine: 422 mt. s.l.m.  Area Montepulciano, Chiusi, Montefollonico
Du' Pici sotto le stelle che si svolgera' a Chianciano il 09 e 10 giugno in piazzolina dei soldati all'interno del centro storico dalle ore 19 in poi. Evento organizzato da Associazione Amatori Pici Chianciano, sara' possibile gustare i veri pici fatti a mano dai volontari dell'associazione, proposti con vari condimenti della tradizione locale rigorosamente preparati dalle nostre massaie.

FESTA EUROPEA DELLA MUSICA A PERUGIA

FESTA EUROPEA DELLA MUSICA A PERUGIA  Open
Data prevista evento: Giugno 2018
Loc. PERUGIA - UMBRIA  Navigatore
39 Km da CONVENTO DI NOVOLE
Altitudine: 429 mt. s.l.m.  Area Deruta, Papiano, Assisi
  Brochure PDF
Lanciata in Francia nel 1982, la Fete de la Musique promossa dal Ministero della Cultura condotto da Jack Lang, invitava tutti i musicisti, professionisti ed amatori a suonare il 21 giugno per le strade, nelle piazze di ogni citta'. Anno dopo anno la manifestazione si e' sviluppata fuori dalle frontiere francesi e si iscrive ormai in un contesto europeo che coinvolge numerose citta'. Da quest' anno la Festa della Musica in Italia e' sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attivita' Culturali ed il Conservatorio di Musica 'Francesco Morlacchi' di Perugia aderisce con una manifestazione musicale che si terra' nell'Auditorium di Piazza Mariotti 2 dalle 21.00 alle 24.00 del 21 Giugno con un ricco programma di concerti (Programma completo: www.conservatorioperugia) In Europa dal 1995 hanno aderito, confederandosi in una associazione europea, le citta' di Atene, Barcellona, Berlino, Budapest, Bruxelles, Lisbona, Liverpool, Losanna, Madrid, Napoli, Parigi, Praga, Roma, Senigallia (AN), Lanuvio (RM) e molte altre stanno aderendo. Adattandosi alle specificita' culturali di ogni paese, la festa ha saputo inventarsi, reinventarsi e diventare una manifestazione musicale internazionale emblematica. A tutt'oggi il 21 Giugno di ogni anno, in coincidenza con il Solstizio d' Estate, innumerevoli citta' ed istituzioni in tutta Europa organizzano concerti ed eventi musicali aperti al pubblico. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

UMBRIA JAZZ 2017

UMBRIA JAZZ 2017  Open
Data prevista evento: Luglio 2018
Loc. PERUGIA - UMBRIA  Navigatore
39 Km da CONVENTO DI NOVOLE
Altitudine: 429 mt. s.l.m.  Area Deruta, Papiano, Assisi
Il 23 agosto 1973 ando' in scena il primo concerto. Musica nel teatro naturale di Villalago di Piediluco a due passi da Terni. Il programma prevedeva gli Aktuala, un gruppo scomparso da tempo (con il senno di poi, la loro si direbbe world music) e l'orchestra maistream di Thad Jones e Mel Lewis. La prima edizione prevedeva altre tre serate, due a Perugia e una a Gubbio, che pero' fu eliminata per la pioggia. A Perugia, nella piazza IV Novembre, fecero il loro esordio italiano i Weather Report, e molto fece discutere la performance free-esoterica della Solar Arkestra di Sun Ra. Fu ben presto chiaro che si trattava di una buona idea, come testimoniava il grande successo di pubblico, a dispetto di una promozione approssimativa. In realta' la gestazione del progetto fu velocissima: dalla visione alla realizzazione concreta passarono pochissimi mesi. Umbria Jazz nacque in un caffe', oggi chiuso, del centro storico di Perugia. Da tempo, Carlo Pagnotta, commerciante perugino appassionato di jazz e frequentatore di lungo corso dei maggiori festival europei, sognava un festival a casa sua. Ne parlo' con due esponenti di spicco della allora neonata Regione dell'Umbria (entrambi poi sarebbero diventati presidenti) che dimostrarono di gradire l'idea e coinvolsero il loro collega al turismo. Fu stilato un programma artistico di massa con l'intervento di Alberto Alberti, allora il principale manager italiano dei musicisti di jazz, e la proposta ando' in giunta. Fu approvata. Le citta' e le piazze dell'Umbria nei giorni di Umbria Jazz, si affollano. In alcuni casi anche i musicisti hanno avuto difficolta' nel raggiungere il luogo dove devono suonare; addirittura l'orchestra di Count Basie rimase bloccata nell'ingorgo degli spettatori. L'edizione del 1976 vide calcare le scene George Coleman, Art Blakey e Dizzy Gillespie. In questo periodo in Umbria arriva moltissima gente e una parte del pubblico, fortemente politicizzata, tende a creare problematiche di vario tipo: in Italia sono i cosiddetti anni di piombo. Neanche la musica si salvo': vengono fischiati grandi artisti come Chet Baker e Stan Getz, bianchi e borghesi. Altrettanto acceso, ovviamente, fu il confronto fra le forze politiche locali e negli ambienti culturali. Per non rischiare, gli organizzatori annullarono l'edizione del 1977. Dopo molte polemiche, nel 1978 si torno' a riorganizzare il festival, con una formula che cerca di limitare invano l'afflusso di spettatori: ogni sera andarono in scena due concerti in altrettante citta'. Il festival di conseguenza divenne poco gestibile. All'edizione del 1978 non ne seguirono altre fino al 1982. Serviva una pausa di riflessione. La manifestazione rinacque nel 1982 con molti cambiamenti e gli enti regionali e di promozione turistica non entrarono piu' nella gestione. Si introdusse, per la prima volta, il biglietto d'ingresso per i concerti piu' importanti. Nei primi tempi si fece riferimento alla struttura dell'ARCI, una realta' associativa all'epoca molto forte in Umbria. Nel 1985 nacque l'Associazione Umbria jazz, senza fine di lucro, che ha in gestione il marchio Umbria Jazz, di proprieta' della Regione, che gestisce da allora il festival in ogni suo aspetto (formula, scelte artistiche, organizzazione, logistica, sponsorizzazioni). Alcuni anni dopo, per volonta' della Regione, nacque la Fondazione Umbria jazz, che ha il compito di garantire le risorse finanziarie di parte pubblica. L'attuale presidente della Fondazione e' Renzo Arbore, mentre Carlo Pagnotta (uno degli ideatori della manifestazione) ne e' direttore artistico. La seconda caratteristica della nuova UJ e' la stanzialita': non e' piu' un festival itinerante, ma si tiene solo a Perugia. In verita', nei primi anni, si prova l'esperienza del cosiddetto decentramento, con scarsi risultati: il festival si svolge quasi tutto a Perugia, con alcuni concerti pero' tenuti a Terni, Narni, Orvieto, Foligno, Gubbio, Citta' di Castello e Assisi. La ripresa del festival si tenne in un tendone da circo nella zona di Pian di Massiano (vicino allo stadio), ben lontano dal centro storico: una specie di confino perche' i problemi degli anni Settanta non erano stati dimenticati. I concerti serali si tengono ai giardini del Frontone; tra gli artisti si possono citare Sonny Rollins, Randy Crawford, Michel Petrucciani, Phil Collins, Al Jarreau e Keith Jarrett. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

SAPORI DELLE CRETE SENESI

SAPORI DELLE CRETE SENESI  Open
Data prevista evento: Aprile 2018
Loc. ASCIANO SIENA, ITALY - TOSCANA  Navigatore
38 Km da CONVENTO DI NOVOLE
  Area Buonconvento, Montefollonico, Pienza
Tutto il mondo si e' innamorato di queste colline delineate da filari di cipressi, puntellate da casolari isolati, e regno a cielo aperto di tanti e speciali prodotti alimentari. Il vino, direte voi. Si', certo, ma anche formaggi, carciofi e una vasta selezione dei migliori prodotti tipici toscani. Sapori delle Crete Senesi e' un omaggio a questa terra che per tre lunghi weekend, dal 25 aprile fino a Domenica 12 maggio, ne mostra e ne festeggia le ricchezze. Il primo weekend e' in onore di un re: il Carciofo. Nel piccolo borgo di Chiusure oltre a gustare il tipico carciofo sarete invitati a fare trekking tra le sue meravigliose colline. Il weekend successivo ci si sposta ad Arbia per la Festa di Sant'Isodoro. E sembra proprio che il Santo fosse ghiotto di formaggio, in particolare di pecorino, perche' il mercatino che riempie vicoli e spiazzi ne e' pieno. Il 12 maggio, per l'ultimo weekend dei Sapori delle Crete Senesi, si va nella bellissima Asciano. Qui il mercato raccoglie tutti i prodotti tipici della zona. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

BANCHETTO MEDIEVALE

BANCHETTO MEDIEVALE  Open
Data prevista evento: Maggio 2018
Loc. CASTIGLION FIORENTINO AREZZO, ITALY - TOSCANA  Navigatore
10 Km da CONVENTO DI NOVOLE
Altitudine: 297 mt. s.l.m.  Area Arezzo, Bettolle, Isola Maggiore
Nel suggestivo chiostro di S.Francesco a Castiglion Fiorentino (AREZZO) si terra' la 12^ edizione del Banchetto Medievale. Vi ritroverete dal XXI al XV secolo: ogni suono, ogni particolare, ogni personaggio sembrera' uscito dalle pieghe del tempo. Il messere e la dama, padroni di casa, accolgono i convenuti all'ingresso e li accompagnano ai tavoli apparecchiati con juta e tela grezza, sopra i quali vengono poste candele, centro tavola di erbe aromatiche e bacinelle di acqua profumata da petali di rosa. Le pietanze dai sapori agrodolci e speziati, tipiche del Basso Medioevo, vengono servite nei cocci di terracotta e gustate con posate di legno, mentre l'oste riempie copiosamente le brocche di ottimo vino. Il tutto accompagnato da musiche d'epoca suonate con antichi strumenti ed ammirando alla luce di torce e candele, l'esibizione di giocolieri, giullari, mangiafuoco, musici e sbandieratori. Quest'anno ad allietare la saranno presenti: L'Allegra Brigata, LosnaFire, Mago Traverso, Cloris la Veggente e l'immancabile gruppo Musici e Sbandieratori del Terziere di Porta Fiorentina. Come potete immaginare l'atmosfera sara' unica!!! Gli apprezzamenti riscossi gli scorsi anni e il successo di pubblico, ci impegnano a migliorarci sempre di piu', perche' siamo consapevoli di regalare un'emozione unica nel suo genere. Lo confermano anche le prenotazioni che si susseguono di anno in anno, sia di coloro che hanno gia' partecipato, che di quelli che non avendo trovato posto l'anno precedente non vogliono rischiare di rimanere ancora una volta a bocca asciutta. Quindi vi consigliamo di prenotare in anticipo visto che i fortunati potranno essere solo 140. Non lasciatevi sfuggire l'occasione di una cena unica, in un ambiente splendido che molti ci invidiano. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

Eventi, sagre e manifestazioni TOSCANA vicino a CORTONA Isola Maggiore Passignano Sul Trasimeno Castiglione del Lago: 'OCIO E MACCHERONI'   'MOSTRA SCAMBIO 'AMICI DEL PEPERONCINO''   'DU' PICI SOTTO LE STELLE'   'FESTA EUROPEA DELLA MUSICA A PERUGIA'   'UMBRIA JAZZ 2017'   'SAPORI DELLE CRETE SENESI'   'BANCHETTO MEDIEVALE'  

TOSCANA


Il nome di questa regione deriva dai suoi antichi abitanti, i Tusci, nome che venne dato agli Etruschi dai Romani. La Toscana è situata nell'Italia centrale e si estende dall'Appennino al mare Tirreno. I paesaggi, il patrimonio artistico e le importanti città, prima tra tutte Firenze, rendono la Toscana una protagonista indiscussa nel panorama turistico mondiale. In questa regione la natura presenta tanti diversi volti, a cominciare dal litorale che alterna spiagge lunghe e sabbiose, come quella versiliese, con scogliere rocciose e scoscesi promontori. Incomparabili sono le isole dell'Arcipelago Toscano, circondate dalla vegetazione mediterranea, da un mare cristallino e da ricchi fondali. Panorami di natura incontaminata si possono ammirare sulle Alpi Apuane e in numerose aree protette, tra cui la laguna di Orbetello che ospita numerose specie di uccelli migratori, tra cui gli aironi rosa. Ma i paesaggi più caratteristici della regione sono quelli che fondono armoniosamente la bellezza della natura con la millenaria presenza dell'uomo. Lo splendido Golfo di Baratti e i siti di Vetulonia e Pitigliano custodiscono necropoli e testimonianze della civiltà etrusca, mentre Roselle e Cosa restituiscono i ricordi di età romana. E poi, borghi medievali, cittadine ricche di storia, castelli e sistemi di fortificazione, chiesette rurali (le cosiddette 'pievi') e suggestive abbazie, come quella di Sant'Antimo, sono presenti su tutto il territorio e i loro profili si stagliano nei paesaggi delle Crete Senesi, della Val d'Orcia, della Garfagnana, del Chianti e della Maremma. Numerose sono infine le fonti di benessere: Montecatini, Saturnia, Montepulciano, Monsummano e Bagno Vignoni che, grazie alle acque termali e ai centri attrezzati per ogni tipo di trattamento, offrono vacanze all'insegna del relax.

Da Vedere: Chianti: Si tratta di una rinomatissima regione collinare che si trova tra Firenze e Siena ad ovest dell'Arno. E' una celebre zona vinicola dove si produce il vino omonimo, apprezzato e gustato in ogni parte del mondo. Questa zona è caratterizzata da dolci e verdi colline con campagne bellissime che offrono vigneti, uliveti e macchie di bosco di rara bellezza. Il Chianti è caratterizzato da piccoli villaggi caratteristici e poderi immersi nel verde che lo rendono una mèta turistica molto ambita (anche grazie all'estrema vicinanza con le bellissime città d'arte Firenze e Siena). Tra i borghi più importanti di questa zona vi segnaliamo Greve in Chianti, Panzano e Castellina in Chianti. Pienza: Pienza è una cittadina toscana in provincia di Siena che si trova su un colle che domina la valle del fiume Orcia. Originariamente si chiamava 'Castello di Corsignano' e più tardi fu battezzata col nome Pienza da Papa Pio II Piccolomini (Pienza significa città di Pio). Nel XV secolo per volere di Papa Pio II Piccolomini vennero costruiti i principali palazzi ed il duomo, e sostituite le case medievali del centro cittadino. Tutto il borgo è molto grazioso e piacevole da visitare, in particolare il duomo, il Museo Diocesano ed il palazzo Piccolomini. Si può visitare inoltre il Parco Artistico, Naturale e Culturale della Val d'Orcia: il territorio del Parco è costituito da tutto il territorio comunale di Pienza, San Quirico d'Orcia, Montalcino, Radicofani e Castigliore d'Orcia. San Gimignano: borgo medievale in provincia di Siena situato su un colle da dove si può ammirare la Val d'Elsa. Originariamente fu sede di un villaggio etrusco ma ebbe il suo maggior sviluppo proprio nel periodo medievale in cui ci fu una fiorente attività artistica le cui opere si possono ammirare ancora oggi. Questa cittadina ebbe l'onore di ospitare il famoso poeta Danta Alighieri, ambasciatore della lega guelfa toscana. San Gimignano ha mantenuto pressoché intatta la sua struttura trecentesca ed è caratterizzata dalla presenza di 15 magnifiche torri, dalle bellissime piazza del Duomo e Piazza della Cisterna. Sono da ammirare anche il Palazzo del Podestà, il Palazzo Comunale, la chiesa di Sant'Agostino e la Rocca pentagonale fatta demolire dai medici nel XVI secolo. San Gimignano è molto famosa anche per la produzione di un vino da poco divenuto DOCG: la Vernaccia di San Gimignano. Viareggio: Cittadina in provincia di Lucca che si trova sulle coste della Versilia, una celebre regione turistica che si trova tra il Mar Tirreno e le Alpi Apuane. E' uno dei centri belneari più conosciuti della Toscana e molti stabilimenti hanno conservato le loro caratteristiche originarie. E' molto importante e conosciuto anche il carnevale che si celebra con il corteo di bellissimi carri allegorici e sfilate in maschera. Firenze: è il capoluogo della regione Toscana ed è famosissima in tutto il mondo per il suo inestimabile patrimonio artistico. In questa città sono vissuti artisti formidabili come Giotto, Masaccio, Donatello, Michelangelo e Leonardo. Le loro opere sono raccolte nei numerosi musei presenti nella città. Sono presenti splendide opere architettoniche come il Duomo, il Battistero, Santa Maria Novella, Palazzo Pitti, Palazzo Strozzi e celebri musei quali la Galleria degli Uffizi, la Galleria dell'Accademia. Da ammirare inoltre Piazza della Signoria e Ponte Vecchio. Siena: è uno dei capoluoghi della Toscana conosciuta come una delle città più belle al mondo. Possiede bellissimi monumenti ed opere d'arte dei maggiori artisti che siano mai esistiti. Sicuramente da visitare Piazza del Campo, luogo dove si svolge il celeberrimo Palio Storico ed il bellissimo Duomo.

Gastronomia e Vini: La cucina tipica toscana è una cucina semplice, genuina e sobria basata su alimenti di qualità come il pane (fatto senza sale) e l'olio extravergine di oliva. Tra i piatti tipici si trovano i buonissimi antipasti di terra a base di squisiti salumi e crostini fatti col pane toscano: molto famosi sono i 'crostini di fegatini'. Tra i primi piatti vi segnaliamo la 'pappa col pomodoro' a base di pomodoro cucinato con aglio, basilico e pepe. Famosissime sono le zuppe toscane tra cui prevale su tutte la 'ribollita' . Tra le pastasciutte le più famose sono senza dubbio le 'pappardelle alla lepre', pasta condita con sugo di lepre cotta nel vino rosso, olio e pomodoro. Altre pietanze molto conosciute sono la bistecca alla fiorentina (carne rigorosamente proveniente dai bovini di razza Chianina) e la trippa. Tra i piatti tipici si trovano anche molte specialità a base di pesce tra cui il famoso 'cacciucco' piatto simbolo della città di Livorno oppure le 'triglie alla livornese' (con pomodoro e piselli). Tra i dolci vi sono i 'ricciarelli' ed il 'Panforte'di Siena, i 'cantuccini' di Prato, i brigidini di Pistoia, il castagnaccio (a base di farina di castagne con pinoli ed uvetta), il bucellato (dolce lucchese all'anice, uvetta e canditi vari). Per quanto riguarda i vini la Toscana costituisce un capitolo a sé: ne esistono tantissime varietà e tutte molto rinomate e conosciute. Troviamo il Chianti, il Montepulciano, il Brunello di Montalcino, la Vernaccia di San Gimignano, il Galestro ed il rosso delle Colline Lucchesi. Ultimo ma non meno importante il Morellino di Scansano, vino dal colore rosso rubino brillante e dal sapore intenso e fruttato. Ideale se abbinato a carni rosse.