Please, enable JavaScript on your browser
la pineta - eventi manifestazioni sagre a scheggia e pascelupo

 ALBERGO HOTEL LA PINETA

ALBERGO HOTEL
LA PINETA

Eventi, manifestazioni e sagre vicini a SCHEGGIA E PASCELUPO Gubbio Scheggia e Pascelupo Cantiano

FRANTOI APERTI

FRANTOI APERTI  Open
Data prevista evento: Novembre 2018
Loc. ASSISI PG, ITALIA - UMBRIA  Navigatore
38 Km da LA PINETA
  Area Foligno, Deruta, Perugia
La produzione dell'olio di oliva si perde nella notte dei tempi. Le prime testimonianze di ulivi coltivati risalgono addirittura a circa 6.000 anni fa in Medio Oriente, nella zona dell'attuale Siria. Gia' in quest'epoca l'olio, oltre che in cucina, veniva usato come unguento, come carburante per le lampade e preso come medicinale. Tra le prime testimonianze scritte sopra questo generoso prodotto ritroviamo invece il codice di Hammurabi, che gia' nel 2.550 a.C. istruiva i babilonesi sulla produzione e il commercio dell'olio. La manifestazione Frantoi Aperti in Umbria vede i comuni della Strada dell'Olio D.O.P. suggellare, promuovere e valorizzare l'olio extravergine di oliva D.O.P. Umbria con una serie di eventi, incontri, spettacoli, attivita' culturali e feste in piazza. Assisi accoglie i visitatori e gli amanti dell'olio extravergine d'oliva, con una serie di iniziative una piu' saporita dell'altra: mostre fotografiche a tema, expo dei prodotti dell'olio, degustazioni, convegni, dimostrazioni dell'arte di fare l'olio direttamente in piazza dal vivo, con assaggio di olio sulla bruschetta, spettacolo letterario sul cibo, laboratori e intrattenimento per i bambini, visite guidate su l'olio nella storia e fra le mura di Assisi, per finire con castagne e vino in piazza. Una piacevole opportunita' per visitare la pittoresca Assisi tra i profumi, i colori e i sapori dell'autunno. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

SAGRA DELLA PORCHETTA COSTANO

SAGRA DELLA PORCHETTA COSTANO  Open
Data prevista evento: Agosto 2018
Loc. COSTANO, PERUGIA, ITALY - UMBRIA  Navigatore
42 Km da LA PINETA
Altitudine: 191 mt. s.l.m.  Area Assisi, Deruta, Perugia
Se non e' la sagra piu' antica dell'Umbria poco ci manca! La lavorazione dei suini cotti in porchetta si puo' far risalire a Costano nel tardo Medioevo. La porchetta di Costano ha sempre goduto di una fama indiscussa per l'accurata preparazione, l'ottimo condimento e la perfetta cottura, che davano all'arrosto un sapore ed una fragranza unici. La figura del porchettaio, col suo banco di vendita, la bilancia ad asta, l'abbigliamento, il profumo del suo arrosto farcito con saporosissime frattaglie, divenne caratteristica nei mercati e nelle feste paesane di tutta l'Umbria. In paese si continuano a cuocere le porchette nel forno a legna secondo il vecchio sistema tradizionale. Esso e' diventato ormai come un rito settimanale. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

UNA SAGRA DOLCE COME IL MIELE - SAGRA DEL MIELE

UNA SAGRA DOLCE COME IL MIELE - SAGRA DEL MIELE  Open
Data prevista evento: Agosto 2018
Loc. MONTEVECCHIO PU, ITALIA - MARCHE  Navigatore
29 Km da LA PINETA
Altitudine: 489 mt. s.l.m.  Area Mondavio, Furlo, Cartoceto
Il 24 e 25 agosto 2013. E come potrebbe essere diversamente visto che qui si parla della Sagra del miele di Montevecchio? Smettete per un attimo di fare le api laboriose e preparatevi a godervi un dolce momento di relax in una delle isole piu' belle del meditarraneo: la Sardegna. Nella incantata cornice dell'ex centro minerario dell'isola plumbea, a pochi passi dal prezioso borgo di Guspini, troverete ad accogliervi una Sardegna insolita e lontana dagli stereotipi estivi. Terra di sole e mare, certamente, ma anche terra di miele. E che miele. Per la gioia dei piu' golosi tra uno stand e l'altro sara' possibile degustare una vasta selezione di quasi tutte le varieta' di miele provenienti dall'isola, scoprendo il segreto della sua bonta' direttamente dai produttori. Ma le dolci iniziative non finiscono qui. Fate salivare le papille ghiottoni di ogni dove, perche' oltre al miele la manifestazione prevede innumerevoli degustazioni dei migliori prodotti tipici e specialita' locali della tradizione enogastronomica campidanese. E ancora escursioni di nordic walking, tiro con l'arco, laboratori sensoriali olfattivi, laboratori di feltratura con ago di lana, preparazione di unguenti con cera e olio, intrattenimenti per i piu' piccoli, spettacoli e mostre. Insomma se mai vi fosse servite una scusa per fare un viaggio in Sardegna d'estate, ora ne avete una! Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

UMBRIA JAZZ 2017

UMBRIA JAZZ 2017  Open
Data prevista evento: Luglio 2018
Loc. PERUGIA - UMBRIA  Navigatore
41 Km da LA PINETA
Altitudine: 429 mt. s.l.m.  Area Deruta, Papiano, Assisi
Il 23 agosto 1973 ando' in scena il primo concerto. Musica nel teatro naturale di Villalago di Piediluco a due passi da Terni. Il programma prevedeva gli Aktuala, un gruppo scomparso da tempo (con il senno di poi, la loro si direbbe world music) e l'orchestra maistream di Thad Jones e Mel Lewis. La prima edizione prevedeva altre tre serate, due a Perugia e una a Gubbio, che pero' fu eliminata per la pioggia. A Perugia, nella piazza IV Novembre, fecero il loro esordio italiano i Weather Report, e molto fece discutere la performance free-esoterica della Solar Arkestra di Sun Ra. Fu ben presto chiaro che si trattava di una buona idea, come testimoniava il grande successo di pubblico, a dispetto di una promozione approssimativa. In realta' la gestazione del progetto fu velocissima: dalla visione alla realizzazione concreta passarono pochissimi mesi. Umbria Jazz nacque in un caffe', oggi chiuso, del centro storico di Perugia. Da tempo, Carlo Pagnotta, commerciante perugino appassionato di jazz e frequentatore di lungo corso dei maggiori festival europei, sognava un festival a casa sua. Ne parlo' con due esponenti di spicco della allora neonata Regione dell'Umbria (entrambi poi sarebbero diventati presidenti) che dimostrarono di gradire l'idea e coinvolsero il loro collega al turismo. Fu stilato un programma artistico di massa con l'intervento di Alberto Alberti, allora il principale manager italiano dei musicisti di jazz, e la proposta ando' in giunta. Fu approvata. Le citta' e le piazze dell'Umbria nei giorni di Umbria Jazz, si affollano. In alcuni casi anche i musicisti hanno avuto difficolta' nel raggiungere il luogo dove devono suonare; addirittura l'orchestra di Count Basie rimase bloccata nell'ingorgo degli spettatori. L'edizione del 1976 vide calcare le scene George Coleman, Art Blakey e Dizzy Gillespie. In questo periodo in Umbria arriva moltissima gente e una parte del pubblico, fortemente politicizzata, tende a creare problematiche di vario tipo: in Italia sono i cosiddetti anni di piombo. Neanche la musica si salvo': vengono fischiati grandi artisti come Chet Baker e Stan Getz, bianchi e borghesi. Altrettanto acceso, ovviamente, fu il confronto fra le forze politiche locali e negli ambienti culturali. Per non rischiare, gli organizzatori annullarono l'edizione del 1977. Dopo molte polemiche, nel 1978 si torno' a riorganizzare il festival, con una formula che cerca di limitare invano l'afflusso di spettatori: ogni sera andarono in scena due concerti in altrettante citta'. Il festival di conseguenza divenne poco gestibile. All'edizione del 1978 non ne seguirono altre fino al 1982. Serviva una pausa di riflessione. La manifestazione rinacque nel 1982 con molti cambiamenti e gli enti regionali e di promozione turistica non entrarono piu' nella gestione. Si introdusse, per la prima volta, il biglietto d'ingresso per i concerti piu' importanti. Nei primi tempi si fece riferimento alla struttura dell'ARCI, una realta' associativa all'epoca molto forte in Umbria. Nel 1985 nacque l'Associazione Umbria jazz, senza fine di lucro, che ha in gestione il marchio Umbria Jazz, di proprieta' della Regione, che gestisce da allora il festival in ogni suo aspetto (formula, scelte artistiche, organizzazione, logistica, sponsorizzazioni). Alcuni anni dopo, per volonta' della Regione, nacque la Fondazione Umbria jazz, che ha il compito di garantire le risorse finanziarie di parte pubblica. L'attuale presidente della Fondazione e' Renzo Arbore, mentre Carlo Pagnotta (uno degli ideatori della manifestazione) ne e' direttore artistico. La seconda caratteristica della nuova UJ e' la stanzialita': non e' piu' un festival itinerante, ma si tiene solo a Perugia. In verita', nei primi anni, si prova l'esperienza del cosiddetto decentramento, con scarsi risultati: il festival si svolge quasi tutto a Perugia, con alcuni concerti pero' tenuti a Terni, Narni, Orvieto, Foligno, Gubbio, Citta' di Castello e Assisi. La ripresa del festival si tenne in un tendone da circo nella zona di Pian di Massiano (vicino allo stadio), ben lontano dal centro storico: una specie di confino perche' i problemi degli anni Settanta non erano stati dimenticati. I concerti serali si tengono ai giardini del Frontone; tra gli artisti si possono citare Sonny Rollins, Randy Crawford, Michel Petrucciani, Phil Collins, Al Jarreau e Keith Jarrett. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

CORSA ALLA SPADA E PALIO

CORSA ALLA SPADA E PALIO  Open
Data prevista evento: Maggio 2018
Loc. CAMERINO - MARCHE  Navigatore
45 Km da LA PINETA
Altitudine: 658 mt. s.l.m.  Area Pieve Torina, Matelica, Esanatoglia
Delle manifestazioni che si svolgevano anticamente a Camerino, in onore del Santo Patrono Venanzio, secondo alcuni strumenti notarili risalente al 1220, solo la Corsa alla spada si svolgeva a piedi. Premio di questa competizione era una spada, simbolo per eccellenza della cavalleria e dei grandi capitani di ventura come i Da Varano, issata sull'angolo della chiesa di Santa Maria in Via. La corsa alla spada si snoda lungo un tracciato di 1500 metri. Dalla partenza posta a San venanziosi sale per circa 500 metri fino a piazza Cavour, poi ci si avvia in un tratto intermedio, che e' quello di corso Vittorio Emanuele II, prima di partire per una volata lungo via Lili e giu' in via Pieragostini fino al traguardo. Protagonisti di questa gara sono trenta atleti, dieci per ogni Terziere. Se al vincitore spetta una spada da sfilare e alzare al cielo tra gli applausi della folla festante, piu' complessa e' l'assegnazione del palio di velluto rosso, premio per la squadra piu' forte. Nelle prime edizioni maggiore importanza veniva data al vincitore della spada, che portava in dote al proprio Terziere un bonus maggiore di punti: al primo classificato andavano 75 punti contro i 60 del secondo e i 55 del terzo, fino al 30° che otteneva un solo punto. Negli ultimi anni questo criterio del surplus e' stato sostituito dal classico scarti di un punto per posizione: cosi' il primo avra' 30 punti, il secondo ne avra' 29 e giu' a scalare. Questa nuova ripartizione dei conteggi non ha fatto altro che rivalutare il gioco di squadra, rendendo indispensabile una generale competitivita' e il valore della prestazione di ogni singolo atleta: a volte il risultato degli ultimi puo' essere decisivo per la vittoria finale. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

MOSTRA SCAMBIO 'AMICI DEL PEPERONCINO'

MOSTRA SCAMBIO 'AMICI DEL PEPERONCINO'  Open
Data prevista evento: Settembre 2018
Loc. PERUGIA, ITALIA - UMBRIA  Navigatore
41 Km da LA PINETA
  Area Deruta, Papiano, Assisi
L'Associazione Culturale ''Il Campo dei Miracoli'' Presenta una giornata davvero PICCANTE,aperta a tutti gli amanti del Peperoncino Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

FESTA EUROPEA DELLA MUSICA A PERUGIA

FESTA EUROPEA DELLA MUSICA A PERUGIA  Open
Data prevista evento: Giugno 2018
Loc. PERUGIA - UMBRIA  Navigatore
41 Km da LA PINETA
Altitudine: 429 mt. s.l.m.  Area Deruta, Papiano, Assisi
  Brochure PDF
Lanciata in Francia nel 1982, la Fete de la Musique promossa dal Ministero della Cultura condotto da Jack Lang, invitava tutti i musicisti, professionisti ed amatori a suonare il 21 giugno per le strade, nelle piazze di ogni citta'. Anno dopo anno la manifestazione si e' sviluppata fuori dalle frontiere francesi e si iscrive ormai in un contesto europeo che coinvolge numerose citta'. Da quest' anno la Festa della Musica in Italia e' sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attivita' Culturali ed il Conservatorio di Musica 'Francesco Morlacchi' di Perugia aderisce con una manifestazione musicale che si terra' nell'Auditorium di Piazza Mariotti 2 dalle 21.00 alle 24.00 del 21 Giugno con un ricco programma di concerti (Programma completo: www.conservatorioperugia) In Europa dal 1995 hanno aderito, confederandosi in una associazione europea, le citta' di Atene, Barcellona, Berlino, Budapest, Bruxelles, Lisbona, Liverpool, Losanna, Madrid, Napoli, Parigi, Praga, Roma, Senigallia (AN), Lanuvio (RM) e molte altre stanno aderendo. Adattandosi alle specificita' culturali di ogni paese, la festa ha saputo inventarsi, reinventarsi e diventare una manifestazione musicale internazionale emblematica. A tutt'oggi il 21 Giugno di ogni anno, in coincidenza con il Solstizio d' Estate, innumerevoli citta' ed istituzioni in tutta Europa organizzano concerti ed eventi musicali aperti al pubblico. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

FESTA DELLA LAVANDA

FESTA DELLA LAVANDA  Open
Data prevista evento: Giugno 2018
Loc. ASSISI PG, ITALIA - UMBRIA  Navigatore
38 Km da LA PINETA
Altitudine: 444 mt. s.l.m.  Area Assisi, Foligno, Deruta
La festa della lavanda di Assisi e' un' occasione per trascorrere un week end in campagna ammirando le bellezze che offre la natura, in questo caso, 2 ettari di terreno coltivati con la nostra rarissima collezione di varieta' di lavanda: filari di lavanda viola, bianchi, blu, rosa. Lo stupendo giardino delle salvie ornamentali e il giardino botanico delle erbe aromatiche e il nuovo laghetto con ninfee e pesci rossi, il tutto con il bellissimo sfondo di Assisi. Durante l' evento dei tre week end abbiamo organizzato una mostra mercato di florovivaismo con le piante del nostro vivaio, i nostri prodotti artigianali alla lavanda, ed inoltre parteciperanno vivaisti con collezioni di rose, ortensie, piante grasse, graminacee, piante acquatiche ecc.ed artigiani di qualita'; Durante le due giornate si susseguiranno visite guidate gratuite per scoprire i profumi di tantissime piante aromatiche spesso sconosciute. Con un piccolo alambicco potrete assistere alla distillazione della lavanda e vedere come avviene l' estrazione dell' olio essenziale. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

L'ARTISTA E LA MANO

L'ARTISTA E LA MANO  Open
Data prevista evento: Settembre 2018
Loc. GUBBIO - UMBRIA  Navigatore
10 Km da LA PINETA
  Area Cantiano, Pietralunga, Scheggia e Pascelupo
Quella che si prefigura, per la grande volonta' degli artisti stessi che vi partecipano in collettiva, come una vera mostra manifesto atta al recupero della manualita', nasce proprio dall'esigenza di riscoprirsi capaci; capaci di disegnare, di modellare, di miscelare i colori. Riscoprire, rivalorizzare le tecniche storiche, restituendo valore alla techne', al sapere fare con le mani, senza perdere di vista l'estetica moderna, l'espressione artistica attuale che comunque puo' e deve dialogare con la piu' radicata cultura artigianale. Con l'arte concettuale, l'arte povera e il minimalismo, l'artista ha cessato di essere un artigiano, ha in gran parte rinnegato la sua manualita', prediligendo la negazione della forma, della campitura calcolata, il rifiuto dell'armonia cromatica. Ma questo non significa che non sia possibile un'inversione di tendenza, oppure ancor meglio, la nascita un nuovo filone parallelo di artisti, anche di matura derivazione accademica, che riprendano in mano tutte le tecniche e i materiali per riscoprire la genesi dell'arte. Ed e' cosi' che nasce questo progetto che si vede perfettamente integrato all'interno di un contenitore storico, artistico ed architettonico, che della manualita' delle maestranze due e trecentesche vede traccia ovunque, il Palazzo dei Canonici di Gubbio, oggi sede del Museo Diocesano. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

SAGRA DEL CONIGLIO

SAGRA DEL CONIGLIO  Open
Data prevista evento: Giugno 2018
Loc. VACCARILE AN, ITALIA - MARCHE  Navigatore
43 Km da LA PINETA
Altitudine: 158 mt. s.l.m.  Area Corinaldo, Jesi, Rosora
Buona cucina, tanta musica, spettacoli avvincenti, rispetto della tradizione. Sono questi i capisaldi della Sagra del Coniglio in Porchetta di Vaccarile, la nota kermesse di inizio giugno che negli anni ha saputo catturare e soddisfare migliaia e migliaia di visitatori. E poi: folclore, storia, natura. E ancora: amore per il proprio borgo, autentica passione per il volontariato, spirito di accoglienza di una comunita' fiera ed orgogliosa delle proprie origini. La manifestazione, che giunge con successo alla 14ª edizione, grazie alle sue proposte culinarie eccellenti e ad una miscela esplosiva di buona musica, spettacoli e giochi tradizionali, conquistera' anche quest'anno il suo numerosissimo pubblico. A partire dalle specialita' del coniglio in porchetta e delle tagliatelle al coniglio, la tradizione della cucina marchigiana trovera', come sempre, ampio spazio nella tre giorni di Vaccarile, in abbinamento ai pregiati vini del territorio. Entreranno inoltre, quest'anno, a far parte del gia' ricchissimo menu', le fritture, a cui verra' dedicato un apposito e caratteristico spazio. Nella serata di venerdi', i visitatori avranno anche la possibilita' di optare per uno speciale 'menu' degustazione', che permettera' di assaporare i piatti piu' importanti della Sagra ad un prezzo scontato. Sempre venerdi' un'ulteriore novita' arricchira' il menu' della festa: la pizza, rigorosamente fatta a mano e cotta su forno a legna. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

Eventi, sagre e manifestazioni UMBRIA vicino a SCHEGGIA E PASCELUPO Gubbio Scheggia e Pascelupo Cantiano: 'FRANTOI APERTI'   'SAGRA DELLA PORCHETTA COSTANO'   'UNA SAGRA DOLCE COME IL MIELE - SAGRA DEL MIELE'   'UMBRIA JAZZ 2017'   'CORSA ALLA SPADA E PALIO'   'MOSTRA SCAMBIO 'AMICI DEL PEPERONCINO''   'FESTA EUROPEA DELLA MUSICA A PERUGIA'   'FESTA DELLA LAVANDA'   'L'ARTISTA E LA MANO'   'SAGRA DEL CONIGLIO'  

UMBRIA


Originariamente questa regione fu abitata da due popoli: gli Umbri e gli Etruschi. All'epoca romana il suo territorio si estendeva fino alla costa adriatica mentre alla caduta dell'impero la regione venne divisa tra i Bizantini ed i Longobardi. In seguito l'Umbria venne divisa in tanti piccoli stati che erano prevalentemente sotto il dominio delle signorie dei Malatesta e del Monferrato. Paesaggi incontaminati, immersi nel verde delle valli sinuose, e antichi borghi fanno dell'Umbria una regione incantata. Una terra, fatta di colline, monti e valli, che nasce nel cuore dello stivale e si estende sul medio bacino del Tevere. L'Umbria è anche la regione del Lago Trasimeno, il maggiore lago dell'Italia centrale, nel cui territorio sono presenti, ancora oggi, i resti di insediamenti etruschi, specie nell'area di Castiglione del Lago, località che unisce al fascino del paesaggio naturale, il romanticismo e la quiete delle acque del lago. Dalle acque del Trasimeno si passa alle acque delle Cascate delle Marmore nei pressi di Terni, considerate tra le più belle d'Europa. Le cascate che si tuffano nel fiume Nera con un salto spettacolare di 165 metri, sono avvolte da una vegetazione rigogliosa e sono mèta di sportivi amanti di canoa, kayak e non solo. Sempre in provincia di Terni vanno segnalate due piccole perle: una legata alla storia e l'altra al territorio. Carsulae, antica cittadina romana percorsa dall'antica via Flaminia, custodisce diversi monumenti, tra cui l'arco di S. Damiano. L'altra perla è la foresta fossile di Dunarobba, un raro esempio di foresta che esisteva 3 milioni di anni fa, i cui tronchi si presentano in ottimo stato di conservazione, immersi in un paesaggio che sembra lunare.

Da Vedere: Assisi: La città di Assisi è situata su uno sperone del Monte Subasio ed è conosciuta in tutto il mondo sia per la sua bellezza storica ed artistica sia come luogo di culto (sono conservate in questa città le spoglie di San Francesco). Il nucleo della città è completamente cinto da mura e la porta di San Francesco è l'ingresso principale alla città. Bellissima da visitare è la Basilica di San Franesco che è stata edificata nel 1228 e composta da due chiese: la chiesa superiore e quella inferiore. Nella cripta della chiesa inferiore viene conservato il corpo di San Fracesco. In questa basilica sono resenti splendidi affreschi di Cimabue, di Giotto e di Pietro Lorenzetti. Nei pressi di Assisi si trovano delle carceri che in origine era un oratorio circondato da grotte dove San Francesco era solito pregare. Gubbio: Gubbio è una celebre cittadina umbra che situata roccia del Monte Ingino e circondata da bellissime colline. E' una cittadina molto caratterstica grazie al suo aspetto medievale e alle sue strade disposte su diversi livelli collegate da gradinate che creano un effetto molto suggestivo. Gubbio ha origini antichissime che si fanno risalire agli inizi della civiltà umbra (come testimoniato nelle preziose 'Tavole Eugubine' conservate nel Palazzo dei Consoli). Ha la tipica struttura di cittadina medievale e possiede chiese e monumenti che sono capolavori dell'arte duecentesca e trecentesca. Da visitare sicuramente il complesso formato dal Palazzo dei Consoli, dalla Piazza Pensile e dal Palazzo Pretorio. Gubbio possiede anche un bellissimo Duomo in stile gotico, la chiesa di Sant'Agostino, la chiesa di San Francesco. Spoleto: Spoleto è una bella cittadina umbra che nel periodo medievale ebbe un ruolo molto importante: fu infatti capitale dell'Impero Longobardo. Nella parte alta della città è presente un antico teatro romano del I secolo a.c., l'Arco di Druso del 23 d.c., la chiesa di Sant'Ansano ed un tempio del periodo romano. Da visitare poi il bellissimo Duomo romanico del XII secolo al cui interno sono conservate opere di Filippo Lippi e del Pinturicchio.

Gastronomia e Vini: La cucina dell'Umbria si distingue per l'uso di cibi semplici e genuini. Tra i prodotti tipici vi sono gli insaccati, i latticini, i legumi ed il tartufo (sia bianco che nero). Tra i primi troviamo gli 'umbricelli' , tipici spaghetti fatti a mano conditi con pomodoro, sugo di carne d'oca o sugo a base di interiora di pollo. Tra e minestre è molto famosa la 'scafata' a base di fave, aglio, bietola e pomodoro. Un altro piatto tipico della cucina umbra è la torta al testo (a base di farina, sale, pepe e olio). Tra i secondi una specialità della gastronomia umbra è senza dubbio la faraona alla ghiotta: in questa ricetta la faraona viene cotta allo spiedo e poi avvolta in fette di prosciutto. Vi sono poi delle ricercate ricette a base del pesce del Lago Trasimeno: troviamo la 'carpa regina in porchetta', il 'tegamaccio di anguilla', il capitone allo spiedo ed i latterini fritti. Tra i dolci troviamo le 'pinoccate', dolci tipici natalizi a base di zucchero e pinoli, il 'torciglione' a base mandorle ed il famoso 'torcolo di San Costanzo', una particolare ciambella con uvetta, canditi e pinoli.