Please, enable JavaScript on your browser
sant'agata - eventi manifestazioni sagre a melfi

 AGRITURISMO SANT'AGATA

AGRITURISMO
SANT'AGATA

Eventi, manifestazioni e sagre vicini a MELFI Atella Monteverde Venosa

WINE AND TARANTA FEST

WINE AND TARANTA FEST  Open
Data prevista evento: Luglio 2018
Loc. TEORA AV, ITALIA - CAMPANIA  Navigatore
37 Km da SANT'AGATA
Altitudine: 697 mt. s.l.m.  Area Conza della Campania, Calabritto, Senerchia
On the first Saturday of July, the second edition of Wine and Taranta Fest returns after the great success of last year, with an exceptional master like Eugenio Bennato who in fact baptized this beautiful festival of good music and excellent wine. This year we want to give it a different theme, if in the previous edition it was the theme of irpine wineries and art, now beyond the reportage of great music, the theme will focus on the march of the brigands in our areas, from 1800 to today. Four years after the last unreleased album, the Modena City Ramblers return with the new album Mani come rami, roots roots, released on March 10 for Modena City Records, with Believe distribution, cd and vinyl Limited. The Emilian band chose this time to go on new roads, realizing the album entirely on its own, with the only extraordinary exception of the collaboration with the American band Calexico, who in the My Ghost Town ballad, Typical sound of MRCs, waving between Celtic sounds and Tziganic atmospheres. In contrast, in contrast to the double cd of 2013 Nothing Again on the Western Front, in which the band had produced 18 tracks closely linked to chronicle episodes and historical events, in these new 13 tracks there is no reference to Explicit contexts or current events. The rhythm and energy of El senor Tex and Ragas pin de stras, evocative ballads like the title track Hands in your pockets, branches in the woods, the nostalgic nostalgic punk of Gaucho, me and you, beyond At the aforementioned My Ghost Town, are the best episodes of a record that fully reflects the consistency and tradition of a band that has been dancing and dreaming for fans for more than twenty-five years, mixing styles and languages, Poetry and irony, in a unique way and still unparalleled within the Italian music scen

CEREALIA 2017

CEREALIA 2017  Open
Data prevista evento: Settembre 2018
Loc. MINERVINO MURGE - PUGLIA  Navigatore
38 Km da SANT'AGATA
Altitudine: 388 mt. s.l.m.  Area Andria, Lavello, Cerignola
18- 20 SETTEMBRE Sala della Cattedrale 'La Puglia contadina dal XIX al XXI secolo: tra storia, economia e cronaca locale' venerdi' 18 and pomeriggio: percorsi di visita nei dintorni (Barletta, Canosa, ecc.) Sabato 19 and mattino: percorsi di visita (Minervino, l'azienda Tor De Falchi, l'antica masseria Bucci e il mulino Tavani). Pomeriggio: inaugurazione della mostra 'Puglia Contadina' a cura dell'ArcheoClub d'Italia di Altamura, gia' presentata a Roma per Cerealia 2014, Bari Fiera del Levante, Triggiano ed altri comuni delle Puglie. Conferenza sul tema 'La Puglia contadina dal XIX al XXI sec.: testimonianze tra storia, economia e cronaca locale', intervengono: Arch. Antonio Monte CNR di Lecce, Paola Sarcina Cerealia; Franco Mastrolia, Angelo Rubino Archeoclub d'Italia di Altamura, testimonianza del Mulino di Benedetto di Altamura, interventi di autorita' locali. Performance artistica e degustazione di vini e prodotti del territorio. Domenica 20 and mattina /visita al Castello di Federico II Evento a cura di MThI, Societa' Umanitaria, Archeoclub d'Italia di Altamura, con la collaborazione dell'Archeoclub d'Italia di Minervino Murge, Comune di Minervino. Sara' organizzato un tour per coloro che da Roma voglio partecipare all'evento. info e prenotazioni: 3381515381 and info@mthi.it Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

FESTA DELLE SPIGHE

FESTA DELLE SPIGHE  Open
Data prevista evento: Agosto 2018
Loc. PANNI FG, ITALIA - PUGLIA  Navigatore
43 Km da SANT'AGATA
  Area Bonito, Monteverde, Foggia
La Festa delle Spighe il 15 agosto vede gli agricoltori locali fare dono alla Madonna del Bosco di interi carichi di spighe di grano, chiamati in dialetto 'salme'. E' caratterizzata da un singolare corteo di carri addobbati con spighe di grano. Ancora oggi il ricavato del grano venduto in questo giorno viene destinato ai festeggiamenti in onore della Vergine. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

Eventi, sagre e manifestazioni BASILICATA vicino a MELFI Atella Monteverde Venosa: 'WINE AND TARANTA FEST'   'CEREALIA 2017'   'FESTA DELLE SPIGHE'  

BASILICATA


Prima della conquista dei Romani il nome antico della regione era Lucania (dal nome dell'antica popolazione). La Basilicata inizia ad essere così chiamata intorno al IX. - X. secolo dopo Cristo. Questo nome deriva da Basilikos, appellativo del funzionario dell'Impero Bizantino che governava la Regione, che, dopo la dominazione romana, divenne territorio dell'Impero Bizantino. La regione Basilicata si trova tra la Calabria e la Puglia, nella parte meridionale dell'Italia. Non si visita la Basilicata per caso, si sceglie infatti di soggiornare in questa terra solo se si ha voglia di vivere un'esperienza diversa, immergendosi in luoghi dove silenzio, colori, profumi e sapori portano lontano dal frastuono e dallo stress della vita moderna, regalando sensazioni uniche. I boschi e le foreste che ricoprono le montagne sono costellati da piccoli e suggestivi borghi. Ci sono poi dei luoghi anche a 1000 m di altitudine, dove l'aria pura, i sapori genuini e le bellezze della natura si uniscono alle testimonianze storiche per soddisfare ogni desiderio di conoscenza. Bellissima, e tuttavia ancora poco esplorata, è la zona dei Laghi di Monticchio, una delle aree più spettacolari della Basilicata. Il lago Grande e il lago Piccolo, sono due splendidi specchi d'acqua che occupano i due crateri, ormai spenti, del Monte Vulture e sono circondati da una fitta e lussureggiante vegetazione. La Basilicata è bagnata da due mari: lo Ionio e il Tirreno. La costa ionica, con le due note località di Metaponto e Policoro, offre ampie spiagge di sabbia finissima o di ciottoli, in alcuni tratti circondate da pinete e filari di eucalipto. Il Golfo di Policastro, sul versante tirrenico, presenta una costa alta e frastagliata, dove i promontori a picco sul mare sono intervallati da piccole spiagge lambite da un mare cristallino.

Da Vedere: I 'Sassi di Matera': sono quartieri scavati nella roccia e intagliati in un profondo burrone formato dalle pareti di tufo del torrente Gravina. I 'Sassi' sono considerati Patrimonio Mondiale dell'Umanità e sono protetti dall'Unesco. Museo Nazionale della Siritide: si trova a Policoro, in provincia di Matera e comprende materiali provenienti dagli scavi archeologici di Siris e di Heraclea, citta' greca del V secolo, e da localita' della costa lucana. Castello Normanno di Melfi: Nel Castello Normanno dell'XI secolo e' allestito un Museo in cui sono conservati reperti preistorici, materiali tombali, oreficerie, vasi greci. Parco Nazionale del Pollino, condiviso con la Calabria: si estende per 200.000 ettari e comprende 66 Comuni di cui 22 in provincia di Potenza e 2 in provincia di Matera. E' stato istituito come Parco Regionale del Pollino nel 1985 e come Parco Nazionale nel 1990 con l'aggiunta dei territori calabresi (32 comuni sono nella provincia di Crotone). Nel Parco è possibile visitare vari monumenti e reperti archeologici, ruderi di castelli, di rocche di fortificazione, di conventi, di monasteri, santuari, chiese e cappelle, isole linguistiche di origine albanese. Maratea: in provincia di Potenza, è una rinomata località di villeggiatura ed è l'unico sbocco della regione sul mar Tirreno. Maratea è chiamata la 'Perla del Tirreno' per la bellezza della sua costa su cui è situato il porticciolo turistico. E' nota anche come la città delle 44 chiese, ricche di preziose testimonianze artistiche.

Gastronomia e Vini: La gastronomia della Basilicata é influenzata dalle tradizioni culinarie delle regioni confinanti (Campania, Puglia e Calabria). I sapori caratteristici sono pungenti: il peperoncino, le erbe aromatiche. Per il condimento viene utilizzato quasi esclusivamente l'olio d'oliva mentre è ignorato il burro. Elemento base è la carne di maiale: i lucani sono dei veri esperti nel trattare prosciutti, salsicce, capicolli e pancetta. Piatti tipici sono ad esempio cotechinata, frittura di maiale, peperonata con carne di maiale, sanguinaccio. Una curiosità: la salsiccia che in molte regioni viene chiamata 'luganega' è originaria della regione e prende il nome dalla Lucania. Oltre al maiale, è utilizzata anche la carne di pecora e agnello. Tra i piatti di pesce segnaliamo zuppe di mare, anguille, trote e baccalà al forno. Per quanto riguarda i primi piatti, la protagonista di ogni pranzo è la pasta fatta in casa nelle sue molteplici forme: fra le più tipiche troviamo orecchiette, cavatelli, strozzapreti, fusilli e strascinate. Tipici della Basilicata sono infatti i &fusilli con le fave' Tra le altre specialità gastronomiche lucane sono da citare i formaggi: scamorze, provole e ricotte. Diffusa la preparazione del caciocavallo, un formaggio che deve il suo nome al metodo di stagionatura: le forme vengono accoppiate ed assicurate a 'cavallo' di un bastone.I tre vini più famosi della Basilicata provengono tutti dal Vulture e sono l'Aglianico, rosso, il Moscato, bianco frizzante, e il Malvasia, tipico vino da dessert. L'Aglianico, ottimo con le carni, è l'unico ad aver ottenuto il riconoscimento della denominazione di origine controllata. Tra gli altri vini merita una segnalazione l'Aleatico di Rionero.