Please, enable JavaScript on your browser
monteverde - eventi manifestazioni sagre a monteverde av, italia
Promotions found !
Look in the IdeasForTravels home page

  MONTEVERDE


MONTEVERDE

Eventi, manifestazioni e sagre vicini a MONTEVERDE AV, ITALIA Atella Melfi San Fele

FESTA DELLE SPIGHE

FESTA DELLE SPIGHE  Open
Data prevista evento: Agosto 2018
Loc. PANNI FG, ITALIA - PUGLIA  Navigatore
34 Km da MONTEVERDE
  Area Bonito, Monteverde, Foggia
La Festa delle Spighe il 15 agosto vede gli agricoltori locali fare dono alla Madonna del Bosco di interi carichi di spighe di grano, chiamati in dialetto 'salme'. E' caratterizzata da un singolare corteo di carri addobbati con spighe di grano. Ancora oggi il ricavato del grano venduto in questo giorno viene destinato ai festeggiamenti in onore della Vergine. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

ORSARA JAZZ SUMMER CAMP

ORSARA JAZZ SUMMER CAMP  Open
Data prevista evento: Luglio 2018
Loc. ORSARA DI PUGLIA FG, ITALIA - PUGLIA  Navigatore
39 Km da MONTEVERDE
  Area Foggia, Castelvetere in Val Fortore, Bonito
Sono aperte le iscrizioni per partecipare alla undicesima edizione di Orsara Jazz Summer Camp, seminari internazionli di musica jazz che si terranno ad Orsara di Puglia, in provincia di Foggia, dal 29 luglio al 3 agosto nell'ambito dell'Orsara Jazz Festival che festeggia quest'anno il venticinquesimo compleanno. Una settimana di full immersion fra lezioni di strumento, musica d'insieme, composizione, masterclass, laboratorio per big band, combo, jam session, camminate a piedi, riflessioni, in un contesto ideale per sviluppare relazioni, amicizie internazionali, approfondire la pratica dell'improvvisazione e del jazz. Oltre 10 ore di lezioni al giorno con musicisti internazionali coordinati dal direttore Lucio Ferrara, chitarrista di Orsara da anni residente a New York. Le lezioni quest'anno coinvolgeranno Emanuele Cisi (sax), Joe Magnarelli (tromba), Rachel Gould (voce), Antonio Ciacca (piano), Joseph Lepore (basso), John Riley (batteria), Michele Corcella (composizione e arrangiamento). I seminari riuniscono allievi provenienti da tutta Italia ed Europa nel piccolo centro medievale, in mezzo al verde delle colline al confine fra Campania e Puglia. Una cosa poi sicuramente ad Orsara non manca: i rapporti umani che si stabiliscono fra le persone che lavorano, collaborano, studiano, suonano, favoriti dal clima del luogo e dall'accoglienza informale alla portata di tutte le tasche. Il problema piu' grande da superare e' arrivare in paese, una volta giunti si lasciano auto, formalita', ansie e ci si immerge, a piedi, nel flusso dell'avventura musicale. Nelle precedenti edizioni sono passati da Orsara docenti prestigiosi come Lee Konitz, Benny Golson, Steve Grossman, Jerry Bergonzi, Wessel Anderson, Antonio Ciacca, Jim Rotondi, Greg Hutchinson, Joe Magnarelli, Billy Harper, Reuben Rogers e tanti altri. Durante i seminari, aperti a musicisti diplomati e non, verranno selezionati gli allievi che si esibiranno nell'ambito del festival Italian Jazz Days in ottobre a New York, presso il Jazz Club Cantina Bentivoglio di Bologna e presso Il Pentagramma di Bari. Alcuni otterranno anche l'iscrizione gratuita ai Seminari. Il costo dei seminari (senza pacchetto All Inclusive) varia dai 150 euro (per chi si iscrive entro il 31 marzo) ai 250 euro (per chi si iscrive entro il 30 giugno) con uno sconto del 10% per gli ex allievi. Il direttore Lucio Ferrara ha studiato clarinetto prima di passare alla chitarra. Si trasferisce a Bologna dove rimane fino al 2010, si diploma in Jazz al Conservatorio. Da qualche anno vive a New York, suona al Setai sulla fifth eve alternando musicisti come Peter Bernstein, Harry Allen, Francisco Mela, Harold Mabern, Joe Magnarelli e suona allo Small's, Dizzy's Club, Fat Cat. Ha suonato con Benny Golson, Billly Harper, con Lee Konitz e Antonio Ciacca ha realizzato il CD It's All right with me. Da tre anni suona con Jerry Bergonzi, Greg Hutchinson. Intensa anche l'attivita' didattica, ha insegnato chitarra jazz al Lagos Jazz Festival (Portogallo) e Tuscia in Jazz Winter. Dal 2004 e' direttore e docente ai Seminari Internazionali di Musica Jazz di Orsara Musica, giunto alla XXIV edizione. e' stato Direttore dei seminari di Tuscia in Jazz e La Spezia Jazz nel 2010 e 2011. Ha insegnato per quattro anni al conservatorio di Cosenza e attualmente insegna Chitarra Jazz al Conservatorio di Avellino. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO ESTIVO

MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO ESTIVO  Open
Data prevista evento: Maggio 2018
Loc. BAGNOLI IRPINO - CAMPANIA  Navigatore
44 Km da MONTEVERDE
  Area Montella, Acerno, Calabritto
Tanti stand enogastronomici che rendono onore al Tartufo Nero con le migliori ricette tradizionali e qualche azzardo. D'altronde si sa', in amore la fantasia premia. Il Tartufo mette in gara tanti corteggiatori e in mille modi diversi: dal concorso per il migliore cane da tartufo, a quello per il tartufo piu' grande. E per gli amanti delle forti emozioni ecco una sfida epica: il dolce al tartufo piu' grande al mondo. Un record che viene battuto ogni anno con una torta da guinness dei primati. E come ogni torta di nozze che si rispetti, viene condivisa tra tutti gli invitati e i festanti. Un matrimonio cosi' non poteva non finire che con un'orchestra e un gran ballo. Warning: the event has already submitted in the past on the indicated dates. Check with the organization the correct dates

WINE AND TARANTA FEST

WINE AND TARANTA FEST  Open
Data prevista evento: Luglio 2018
Loc. TEORA AV, ITALIA - CAMPANIA  Navigatore
29 Km da MONTEVERDE
Altitudine: 697 mt. s.l.m.  Area Conza della Campania, Calabritto, Senerchia
On the first Saturday of July, the second edition of Wine and Taranta Fest returns after the great success of last year, with an exceptional master like Eugenio Bennato who in fact baptized this beautiful festival of good music and excellent wine. This year we want to give it a different theme, if in the previous edition it was the theme of irpine wineries and art, now beyond the reportage of great music, the theme will focus on the march of the brigands in our areas, from 1800 to today. Four years after the last unreleased album, the Modena City Ramblers return with the new album Mani come rami, roots roots, released on March 10 for Modena City Records, with Believe distribution, cd and vinyl Limited. The Emilian band chose this time to go on new roads, realizing the album entirely on its own, with the only extraordinary exception of the collaboration with the American band Calexico, who in the My Ghost Town ballad, Typical sound of MRCs, waving between Celtic sounds and Tziganic atmospheres. In contrast, in contrast to the double cd of 2013 Nothing Again on the Western Front, in which the band had produced 18 tracks closely linked to chronicle episodes and historical events, in these new 13 tracks there is no reference to Explicit contexts or current events. The rhythm and energy of El senor Tex and Ragas pin de stras, evocative ballads like the title track Hands in your pockets, branches in the woods, the nostalgic nostalgic punk of Gaucho, me and you, beyond At the aforementioned My Ghost Town, are the best episodes of a record that fully reflects the consistency and tradition of a band that has been dancing and dreaming for fans for more than twenty-five years, mixing styles and languages, Poetry and irony, in a unique way and still unparalleled within the Italian music scen

Eventi, sagre e manifestazioni CAMPANIA vicino a MONTEVERDE AV, ITALIA Atella Melfi San Fele: 'FESTA DELLE SPIGHE'   'ORSARA JAZZ SUMMER CAMP'   'MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO ESTIVO'   'WINE AND TARANTA FEST'  

CAMPANIA


La Campania, situata nel'Italia meridionale, si estende lungo il versante del mar Tirreno, dalla foce del Garigliano al Golfo di Policastro. La dolcezza del clima, la bellezza delle coste, la ricchezza dell'arte e della storia, l'amore per la cucina rendono la Campania una terra tutta da vivere. Un viaggio che inizia dal mare, re incontrastato, con il suoi colori intensi, le coste ricche di baie, insenature e pareti rocciose, le isole del Golfo di Napoli Capri, Ischia e Procida, veri capolavori della natura. Questa regione è caratterizzata da una dalla ricca vegetazione mediterranea in cui sono incastonati paesi ricchi di storia, d'arte e di tradizioni, dove trascorrere un soggiorno indimenticabile. E come dimenticare il monumento della natura che domina imponente questa terra? Il Vesuvio, cupo e misterioso, amato per la sua bellezza e temuto per la sua potenza. E poi Napoli, conosciuta nel mondo per l'intensità e la passione della sua musica che, come la città, mescola aspetti colti e popolari, sacri e profani, gioiosi e malinconici. E adagiata su una terrazza di tufo a strapiombo sul mare, Sorrento. In questo scorcio di paradiso, coste frastagliate e inaccessibili si alternano a piccole e nascoste spiagge che danno vita ad un paesaggio unico. Qui l'opera dell'uomo è stata grandiosa. Le zone più impervie oggi sono costituite da una serie di terrazzamenti degradanti verso il mare, utilizzati per coltivare agrumi, ulivi e viti. Sono i giardini dai quali esalano gli inebrianti profumi di aranci, limoni e zagare. Musica, mare, divertimento e natura, ma anche storia e cultura.

Da Vedere: La Costiera Amalfitana: E' situata sul fianco sud della penisola di Sorrento ed è una delle zone balneari più rinomate del Sud Italia. La strada principale si estende da Sorrento a Positano e durante il tragitto si possono ammirare, fra le altre, stupende località quali Praiano, Amalfi, Ravello e Minori con le sue rovine romane. Il Maschio Angioino a Napoli: simbolo della città, fu edificato per volere di Carlo D'Angiò che volle una residenza fortificata vicino al mare. Napoli vale una visita anche per altri monumenti fra cui il Duomo, il Palazzo Reale e la monumentale Piazza Plebiscito. Gli scavi di Pompei in provincia di Napoli colpita dall'eruzione del Vesuvio insieme ad Ercolano e Stabia nel 79 d.c. , periodo del suo massimo splendore. L'Isola di Ischia: Appartenente al golfo di Napoli è la principale fra le isole Flegree. Denominata anche Isola Verde per la colorazione delle sue rocce (il tufo verde), Ischia e' particolarmente famosa per la ricchezza di sorgenti termali attorno alle quali si sono sviluppati attrezzati centri benessere. L'isola di Capri: E' certamente una delle isole minori più esclusive d'Italia ed è' costituita da due centri , Anacapri e Capri raggiungibile quest'ultima attraverso una funicolare. Da non perdere sono i famosi Faraglioni e la Grotta Azzurra. Parco del Cilento: Nel 1973 durante il convegno internazionale I parchi costieri mediterranei venne sottolineata la necessità di realizzare un parco naturale nel territorio cilentano per difendere il territorio dal cosiddetto turismo di rapina che già allora iniziava a dare i suoi primi risultati. L'atto ufficiale di nascita del Parco avviene il 6 dicembre 1991, con la legge R 394. Il Parco nazionale del Cilento-Vallo di Diano comprende quasi tutta la parte meridionale della provincia di Salerno. L'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria costeggia il perimetro del parco sui lati settentrionale e orientale. Le uscite più convenienti sono: Battipaglia per la fascia costiera da Agropoli a Palinuro; Campagna, Sicignano e Petina per i monti Alburni; Sala Consilina e Padula per l'area del Cervati; ancora Padula per la fascia costiera da Policastro a Marina di Camerota. Diverse strade statali attraversano il parco con percorsi tortuosi ma di grande interesse paesaggistico e infine vi sono altre rotabili minori. Il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano è il secondo parco in Italia per dimensioni e si estende dalla costa tirrenica fino ai piedi dell'appennino campano - lucano, comprendendo le cime degli Alburni, del Cervati e del Gelbison. Alle straordinaria eterogeneità del territorio si affianca il carattere mitico di una terra ricca di storia e cultura.

Gastronomia e Vini: La gastronomia campana ha reso l'Italia conosciuta nel mondo grazie alla pizza che rispecchia il gusto e la semplicità di un intero paese. I napoletani, popolo ingegnoso, la inventarono mentre erano alla ricerca di un piatto povero ma allo stesso tempo nutriente. In origine la pizza era bianca, solo pasta e mozzarella; il pomodoro fu introdotto dopo che venne importato dall'America. Altri piatti tipici sono il 'rraù' o ragù del guardaporta, un piatto unico a base di strutto, grasso di prosciutto e fettine di vitello ripiene di formaggio, aglio,pinoli, uvetta e prezzemolo; i calamaretti alla napoletana arricchiti con pinoli e olive nere e fra i dolci la pastiera napoletana fatta con ricotta e aranci ed il Babà. La Campania è anche la patria della pasta che spesso viene condita semplicemente con pomodoro e origano e della mozzarella, famose quelle di bufala che viene prodotta a Capua e Battipaglia. Fra i vitigni tipici della regione sono il Trebbiano, il Sangiovese, la Malvasia, il Greco e l'Aglianico, mentre fra i vini che si producono i più bevuti sono il Procida ed il Vesuvio tra i rossi e il Lacrima Christi, L'Ischia ed il Capri fra i bianchi. Degno di nota è anche il famoso limoncello di Sorrento.