Please, enable JavaScript on your browser
wwf: oasi la bula a asti - piemonte
Promotions found !
Look in the IdeasForTravels home page

 wwf - world wide fund WWF: OASI LA BULA

wwf - world wide fund
WWF: OASI LA BULA

WWF: OASI LA BULA

Un tempo area degradata lungo il fiume Tanaro, deposito di rifiuti e sede di attivita' illecite, ora La Bula e' un Oasi WWF ricca di stagni, laghetti, isolotti, lanche, canneti, grazie ad un progetto avanzato di ingegneria naturalistica, che ne hanno fatto un paradiso per gli uccelli acquatici. L'Oasi La Bula si trova all'interno di un Sito d'Importanza Comunitaria nel Comune di Asti. L'area, di circa 20 ettari, e' una ex cava recuperata ed e' in corso un'opera di ripristino ambientale generale che prevede la reintroduzione di specie arboree autoctone, ancora presenti lungo le sponde del Tanaro. Ambiente Un tempo area degradata in conseguenza a scavi di materiali inerti lungo la sponda destra del fiume Tanaro, deposito di rifiuti e sede di attivita' illecite, ora e' ricca di stagni, laghetti, isolotti, lanche, canneti. Si tratta di un progetto avanzato d'ingegneria naturalistica finalizzato alla ricostruzione di uno degli ambienti fluviali un tempo comuni lungo le sponde dei fiumi. L'opera rappresenta un concreta ed innovativa alternativa ad un'attivita' potenzialmente devastatoria come l'estrazione di ghiaia e sabbia, la concentra in un'area ristretta, e prevede anche la sua rinaturalizzazione, evitando scavi sparsi nella zona golenale del fiume. Alla progettazione ha contribuito un folto gruppo di architetti, ingegneri, naturalisti, dottori forestali, e il risultato che si sta delineando e' addirittura superiore alle aspettative, fondate su studi teorici ed osservazioni in natura del residuo patrimonio floro-faunistico del fiume Tanaro. A seguito del lavoro del WWF, tutta la zona compresa tra il Tanaro e la tangenziale (oltre 600 ha.), e' stata inserita tra i SIC (Siti d'interesse comunitario), col nome Stagni di Belangero, in cui spicca la presenza del Pelobate (Pelobates fuscus). Sulla base di questo successo la Regione Piemonte ha concesso tutte le necessarie autorizzazioni alle escavazioni (coltivazione di cava) e ha piu' volte indicato il progetto come esempio da seguire in altre realta'