Please, enable JavaScript on your browser
vincheto di celarda a feltre belluno, italy - veneto
Promotions found !
Look in the IdeasForTravels home page

 sito naturalistico VINCHETO DI CELARDA

sito naturalistico
VINCHETO DI CELARDA

VINCHETO DI CELARDA

La Riserva Naturale Biogenetica Vincheto di Celarda si trova nel comune di Feltre (Bl) all'interno dell'area un tempo occupata dall'antico letto del fiume Piave. Compresa in una superficie di un centinaio di ettari, la riserva si trova in una zona pianeggiante a quota 230 metri facilmente accessibile agli escursionisti. Si caratterizza per la ricchezza d'acqua e la presenza di specie floristiche e faunistiche tipiche delle zone umide. Il nome della riserva e' legato all'antica coltivazione dei salici da vimini (da vinchi, i rami flessibili della pianta). La particolarita' dell'ambiente, devastato in alcune occasioni dalle piene del Piave, ha attirato l'attenzione degli enti nazionali e internazionali che, dalla seconda meta' del Novecento, ne tutelano l'ecosistema e la biodiversita'. La riserva Vincheto di Celarda presenta un paesaggio di paludi, stagni e risorgive incorniciati da una vegetazione lacustre mista alle specie derivanti da interventi artificiali e a quelle dei boschi spontanei. L'Abete rosso, il Pino silvestre, il Frassino, l'Ontano, il Pioppo e il Salice sono tra gli esemplari della flora locale, mentre di particolare pregio floristico sono le specie di orchidea Ophrys holosericea e Orchis coriophora. Oltre agli animali allevati in cattivita', tra i quali cervi, daini e mufloni, nella riserva vivono allo stato libero caprioli, volpi, lepri, scoiattoli, ghiri, talpe e nocciolini. L'aspetto piu' interessante dal punto di vista faunistico e' comunque costituito dall'avifauna locale con una cinquantina di specie avvistate tra migranti e stanziali. Dall'Airone cinerino al Germano reale e dalla Gallinella d'acqua al Martin pescatore, all'interno della riserva svernano e nidificano tantissimi esemplari che possono essere osservati nelle varie ore del giorno dagli appassionati naturalisti. Aperta al pubblico nel periodo tra maggio e ottobre, la riserva presenta una rete di semplici sentieri pianeggianti che attraversa tutta l'area. Istituita inizialmente come 'Riserva Naturale di popolamento animale', l'area protetta presenta grandi recinti per gli animali e vasche per l'allevamento dei pesci destinati al ripopolamento delle specie autoctone. All'interno della riserva vengono praticate anche attivita' come l'apicoltura, a scopo didattico, e l'equitazione, con l'intento di diffondere la cultura degli spostamenti ecocompatibili a cavallo