Please, enable JavaScript on your browser
abbazia di san galgano a abbazia di san galgano, chiusdino si, italia - toscana
Promotions found !
Look in the IdeasForTravels home page

 sito architettonico ABBAZIA DI SAN GALGANO

sito architettonico
ABBAZIA DI SAN GALGANO

ABBAZIA DI SAN GALGANO

La Rotonda di Montesiepi, un gioiello dell'arte romanica; una chiesa abbaziale che ha per pavimento un prato e per tetto il cielo. Monumenti dispersi in un lembo della campagna toscana, mete di curiosi, di studiosi, di devoti. Il nome di San Galgano e' per molti oggi, purtroppo, solamente un toponimo e forse solo a Chiusdino la figura del biondo cavaliere eremita e la sua peculiare vicenda spirituale sono note e familiari. Negli ultimi tempi, poi, e' stato dato di assistere ad uno sconvolgimento della sua vicenda e, di volta in volta, c'e' chi ha tentato di fare di Galgano un 'sacerdote' di culti magici o forse pagani che la Chiesa avrebbe occultato sotto i veli della santita' cattolica; oppure un contestatore, un 'patarino' in rotta con la gerarchia ecclesiastica, se non addirittura un eretico, un 'cataro'! Eppure le notizie biografiche su Galgano, benche' ci separino da lui piu' di otto secoli, sono molto sicure, perche' si basano proprio sugli atti del processo di canonizzazione, addirittura il piu' antico processo di canonizzazione che ci sia pervenuto, svoltosi a Montesiepi dal 4 al 7 agosto 1185, ossia quattro anni dopo la morte del sant'uomo, e che fu presieduto dal Cardinale-Vescovo di Santa Sabina, Konrad von Wittelsbach, che, in qualita' di legato papale, ascolto' l deposizione di venti testimoni, tra cui la madre stessa di Galgano e gli eremiti che lo avevano conosciuto. San Galgano nacque a Chiusdino nel 1148 da un nobile del luogo, Guido e da Dionisia. Nel 1179 tuttavia, trovandosi a Siena in un negozio di panni di lana, Galgano, accidentalmente, si addormento' e nel sonno gli apparvero l'angelo Michele e sua madre. Alla donna l'angelo chiese di arruolare il figlio nella coorte celeste ed avendone ottenuto l'assenso rapiva Galgano con se'. Gia' questa esperienza aveva prodotto un profondo cambiamento nell'indole del giovane chiusdinese, un desiderio di mutare vita, che ad essa un'altra se ne aggiunse. Ancora un sogno: di nuovo apparve a Galgano l'angelo Michele che gli ingiunse di seguirlo, attraverso un prato ed un fiume, su un monte e li', in una cappella rotonda, Gesu', Maria e gli Apostoli indirizzarono il giovane alla vita eremitica. Galgano si pose allora sotto la guida spirituale dei monaci di Malavalle, in Maremma, che lo invitarono a formare il proposito di ritirarsi in solitudine ed a perseverare in esso. Non manco' a Galgano l'opposizione della madre che tento' di di-stoglierlo da questa intenzione, addirittura fidanzandolo ad una fanciulla di Civitella, in Maremma, Polissena, forse dei conti dell'Ardenghesca. Fu proprio recandosi a conoscere la promessa sposa che Galgano, verso i primi dei dicembre del 1180, ebbe una nuova esperienza mistica: l'arcangelo Michele, non in sogno ma in realta', gli sbarro' dolcemente la strada e, prese le briglie del cavallo, lo accompagno' sul colle di Montesiepi che il giovane chiusdinese, novello Antonio, scelse quale propria Tebaide. Quale segno di rinuncia perpetua alla guerra conficco' Galgano il suo spadone di cavaliere nel terreno. Questo gesto aveva per i cavalieri del Medio Evo un alto significato spirituale: la spada capovolta ricordava la croce! A nulla valsero a distoglierlo da questa impegnativa decisione le preghiere della madre Dionisia e dei parenti, o gli argomenti degli antichi compagni di bagordi, o la visita dell'avvenente fidanzata, Polissena, che egli anzi convinse a prendere il velo (la pia fanciulla fondo', con altre nobili vergini, il monastero di San Prospero, presso Siena)