Please, enable JavaScript on your browser
lipu: oasi arcola a arcola sp, italia - liguria
Promotions found !
Look in the IdeasForTravels home page

 lipu - lega italiana protezione uccelli LIPU: OASI ARCOLA

lipu - lega italiana protezione uccelli
LIPU: OASI ARCOLA

LIPU: OASI ARCOLA

L'Oasi Arcola nasce ufficialmente nel 1992 per volonta' della Provincia di Spezia che ne affida fin da subito la gestione alla Lipu. L'obiettivo e' quello di realizzare la prima 'garzaia' artificiale in Itlaia per indurre alcune coppie selvatiche di aironi cenerini, garzette e nitticore, che regolarmente frequentano la zona, a riprodursi all'interno dell'area utilizzando pioppi e salici, in prossimita' di una grande voliera dove erano stati inseriti esemplari feriti ed irrecuperabili delle stesse specie. Il progetto comprendeva anche una riconversione del territorio che fin dai primi anni '70 era costituito da un vegetazione scarsa, boschi quasi assenti mentre le aree dove oggi ricade l'Oasi e quelle immediatamente circostanti erano interessate da coltivazioni, ma soprattutto da cave di inerti e discariche di rifiuti. Purtroppo, nonostante l'idea e le intenzioni fossero le migliori, l'esperimento non riusci', sia a causa di oggettivi problemi gestionali, sia a causa di alcune alluvioni e atti vandalici. Finalmente nel novembre 2008 e' stata stipulata una nuova convenzione tra Lipu, Parco regionale Montemarcello and Magra e Comune di Arcola per la gestione dell'Oasi e del Centro visite. Si riavvia cosi' una nuova stagione per l'Oasi che e' diventata poi teatro di Eventi Natura e punto di riferimento per le comunita' del territorio. Nel 2009 sono stati riaperti alcuni tratti di sentiero, attrezzati con bacheche e pannelli didattici mentre proseguono i lavori di riapertura di altri percorsi natura. L'Oasi puo' essere visitata liberamente con l'indicazione di mantenersi sempre sui sentieri per non arrecare disturbo a fauna e flora, evitando di avventurarsi lungo le sponde del fiume che specialmente dopo periodi di pioggia potrebbero cedere. I periodi migliori per la visita sono quelli legati allo svernamento ed alla migrazione dell'avifauna. Pertanto, i mesi piu' indicati sono quelli di dicembre - gennaio e marzo, aprile e settembre. Da aprile a giugno inoltre la vegetazione e' in pieno rigoglio offrendo il meglio in quanto a fioriture. Di notevole interesse il bosco alluvionale caratterizzato da pioppi neri, pioppi bianchi, ontani, salici, le zone umide come la lanca e gli stagni temporanei.