Please, enable JavaScript on your browser
parco naturale regionale dell'aveto a parco naturale regionale dell'aveto, genoa, italy - liguria
Promotions found !
Look in the IdeasForTravels home page

 sito naturalistico PARCO NATURALE REGIONALE DELL'AVETO

sito naturalistico
PARCO NATURALE REGIONALE DELL'AVETO

PARCO NATURALE REGIONALE DELL'AVETO

Il Parco naturale regionale dell'Aveto e' un'area naturale protetta della provincia di Genova, in Liguria. Fu istituito nel 1995 come parco naturale regionale ed e' compreso nei comuni di Santo Stefano d'Aveto, Rezzoaglio, Borzonasca, Mezzanego e Ne, per una superficie complessiva di 3.018 ettari. Il parco copre una delle aree naturalisticamente piu' importanti dell'intero Appennino Ligure. E' stato istituito per proteggere una grande varieta' geologica, faunistica e floristica, ma anche per conservare l'impronta antropica del luogo. La storia del territorio circostante al parco e' molto antica. Le prime tracce umane risalgono infatti a circa 7000 anni fa, quando gli uomini provenienti dal mare iniziarono a praticare la caccia e a creare ampi spazi per il pascolo del bestiame, disboscando grandi abetine e dando cosi' origine alla competizione tra abeti e faggi, vinta dai secondi anche grazie a fattori climatici favorevoli. L'area fu colonizzata a fatica dai romani per via della belligeranza dei Liguri. I primi documenti storici scritti risalgono al Medioevo e sono testi relativi alla gestione e alla donazione di proprieta' terriere. Attorno all'anno 1000 i monaci della Basilica di San Pietro in Ciel d'Oro insegnarono il Vangelo e nuove tecniche agricole alla popolazione locale, fecero bonifiche ad alcuni territori e iniziarono numerose coltivazioni. Dopo un susseguirsi di importanti signorie nel controllo delle valli (tra cui i Malaspina, i De Mileto e i Fieschi), la soppressione dei feudi imperiali avvenuta nel 1797 consegno' i territori alla Repubblica di Genova. Durante il Risorgimento l'area del parco segui' le sorti di Genova e, in seguito, dell'Italia unita. Durante la Seconda guerra mondiale l'area fu il fulcro della lotta partigiana della Riviera di Levante, contribuendo poi alla lotta finale scendendo verso i paesi della costa.