Please, enable JavaScript on your browser
musei capitolini a capitoline museums, 1, rome, italy - lazio
Promotions found !
Look in the IdeasForTravels home page

 museo MUSEI CAPITOLINI

museo
MUSEI CAPITOLINI

MUSEI CAPITOLINI

I Musei Capitolini costituiscono la principale struttura museale civica comunale di Roma e fanno parte del Sistema dei Musei in comune. Si parla di musei, al plurale, in quanto alla originaria raccolta di sculture antiche fu aggiunta da Benedetto XIV, nel XVIII secolo, la Pinacoteca, costituita da opere illustranti soggetti prevalentemente romani. Aperti al pubblico nell'anno 1734, sotto Clemente XII, sono considerati il primo museo al mondo, inteso come luogo dove l'arte fosse fruibile da tutti e non solo dai proprietari. Nel 2008 sono stati visitati da 452.232 persone. La sede storica dei Capitolini e' costituita dal Palazzo dei Conservatori e dal Palazzo Nuovo, edifici che affacciano sulla michelangiolesca Piazza del Campidoglio. La creazione del museo puo' essere fatta risalire al 1471, quando Papa Sisto IV dono' alla citta' una collezione di importanti bronzi provenienti dal Laterano, che fece collocare nel cortile del Palazzo dei Conservatori e sulla piazza del Campidoglio: cio' lo rende il piu' antico museo pubblico al mondo. La raccolta antiquaria si arricchi' nel tempo con donazioni di vari papi, e fu meglio allocata con la costruzione del Palazzo Nuovo nel 1654. Il museo fu aperto a visite pubbliche per volere di Papa Clemente XII quasi un secolo piu' tardi, nel 1734. Il suo successore, Benedetto XIV, inauguro' la Pinacoteca capitolina, acquisendo le collezioni private della famiglia Sacchetti e della famiglia Pio. Dagli scavi condotti dopo l'Unita' d'Italia per i lavori di Roma capitale emersero grandi quantita' di nuovi materiali, che, raccolti nel Magazzino Archeologico Comunale, in seguito denominato Antiquarium, furono nel tempo parzialmente esposti ai Capitolini. Nel 1997 e' stata aperta una sede distaccata nell'ex Centrale Termoelettrica Giovanni Montemartini nel quartiere Ostiense, creando una soluzione originale di fusione tra archeologia industriale e classica