Please, enable JavaScript on your browser
museo pietro micca a torino - piemonte
Promotions found !
Look in the IdeasForTravels home page

 museo MUSEO PIETRO MICCA

museo
MUSEO PIETRO MICCA

MUSEO PIETRO MICCA

Il Museo civico Pietro Micca e dell'assedio di Torino del 1706 nasce nel 1961 in occasione della celebrazione del centenario dell'Unita' d'Italia. Tra l'autunno del 1705 e l'autunno del 1706, le truppe francesi assediano Torino (vedi Assedio di Torino del 1706). Scavano trincee per avvicinarsi alle mura della cittadella e bombardarla. Per difendersi l'esercito subalpino scava diversi chilometri di gallerie attorno alla cittadella. Le gallerie dovevano servire a piazzare cariche esplosive con le quali colpire e terrorizzare i francesi in superficie. Durante un assalto i francesi riescono a sfondare una porta da cui si accedeva alle gallerie sotterranee e solo il sacrificio di Pietro Micca, che da' fuoco alla miccia di una carica esplosiva, e allontana il compagno prima di cercare di fuggire lui stesso, impedisce ai francesi di penetrare nelle gallerie sotterranee. Il gesto di Pietro Micca venne considerato eroico nel corso del XIX secolo e, dopo la seconda guerra mondiale suscito' l'interesse di un militare, Guido Amoretti, deceduto nel luglio 2008. Amoretti lavorava in un ufficio nei pressi della cittadella di Torino e ogni tanto osservava i lavori per costruire le fondamenta di un vicino edificio. Vede venire alla luce alcune gallerie e scopre che altre gallerie erano state usate nel corso della seconda guerra mondiale come rifugi. Ad esse si accedeva attraverso le cantine di alcuni palazzi. Nel 1958 fu ritrovata la celebre scala dove il minatore Pietro Micca fece esplodere la mina. Amoretti inizia cosi' un'opera di scoperta e restauro delle gallerie, che porta alla costruzione del Museo. In esso sono contenute armi settecentesche, cartine e dipinti delle zone coinvolte dalle battaglie e alcuni plastici che ricostruiscono le zone interessate dagli eventi. La parte piu' suggestiva della visita e' senza dubbio pero' quella che porta i visitatori nelle gallerie, che in alcuni punti sono piuttosto basse, fino alla scala lungo la quale Pietro Micca e' sceso dopo aver innescato la miccia e fino al punto in cui e' stato ritrovato il suo cadavere.