Please, enable JavaScript on your browser
chiesa di san biagio (sant'agata alla fornace) a catania - sicilia
Promotions found !
Look in the IdeasForTravels home page

 sito religioso CHIESA DI SAN BIAGIO (SANT'AGATA ALLA FORNACE)

sito religioso
CHIESA DI SAN BIAGIO (SANT'AGATA ALLA FORNACE)

CHIESA DI SAN BIAGIO (SANT'AGATA ALLA FORNACE)

La chiesa di S. Biagio si trova in piazza Stesicoro proprio di fronte alla grande trincea con i ruderi dell'anfiteatro. La bianca facciata, preceduta da una gradinata, e' tardo-settecentesca. Le origini di questa chiesa risalgono al 1098. Dopo il terremoto del 1693 venne riedificata per volere del vescovo Andrea Riggio che vi incorporo' la chiesa filiale di S. Biagio di cui il tempio prese nome. Sempre il Riggio vi istitui', nel 1710, la congregazione dei preti secolari sotto il titolo di Maria Santissima dei Sette Dolori. A ricordo di questo fatto fu scolpito un grande medaglione dell'Addolorata, opera di Salvatore Cali', che spicca al centro della bianca facciata. All'interno si possono ammirare: una tela con S. Giovanni Nepomuceno, sul primo altare e un dipinto con Il martirio di S. Biagio, sul secondo altare (lato destro). Il presbiterio contiene due cappelle, una dedicata al Crocifisso (sinistra) e una dedicata a S. Agata. In questa cappella e' custodita una preziosa reliquia che la tradizione lega al martirio della patrona di Catania, la cosiddetta fornace di S. Agata da cui viene il nome popolare della chiesa la carcarella. La fornace e' custodita da un vetro; un iscrizione latina ci ricorda una delle fasi piu' drammatiche della vicenda umana di Agata, il tormento con i carboni ardenti; dice infatti l'iscrizione: Qui fu travolta fra i carboni accesi. La tradizione tramanda che la santa riusci' a superare questa durissima prova e, da allora, per analogia, e' stata eletta salvatrice dal fuoco delle eruzioni. Per chi abita ai piedi dell'Etna e' importante credere in un miracolo capace di fermare i fiumi di fuoco incandescente che, nella loro corsa, travolgono case e terreni; in tal senso, nei secoli, si e' sempre piu' rinsaldato il legame tra Agata e la salvezza dal fuoco; per i catanesi la reliquia piu' potente e' il Velo di S. Agata che l'anno successivo alla sua morte (252) venne portato in processione e avvicinato al fronte lavico che minacciava la citta'. Il velo, si racconta, cambio' il suo colore mutando da bianco in rosso; e' evidente il valore simbolico di questo secondo colore che divento' controparte attiva del rosso fuoco dell'Etna. Oltre alla cappella della fornace si incontrano l'altare maggiore, l'altare dedicato alla Sacra Famiglia e un altro altare con il martirio di S. Andrea