Please, enable JavaScript on your browser
musei civici agli eremitani a padova - veneto
Promotions found !
Look in the IdeasForTravels home page

 museo MUSEI CIVICI AGLI EREMITANI

museo
MUSEI CIVICI AGLI EREMITANI

MUSEI CIVICI AGLI EREMITANI

Il Complesso Museale, il piu' antico del Veneto, e' ospitato nei chiostri dell'ex convento dei frati Eremitani. Comprende il Museo Archeologico e il Museo di Arte Medioevale e Moderna, oltre alla Cappella degli Scrovegni. Museo Archeologico: Raccoglie importanti collezioni di reperti archeologici di epoca paleoveneta, pre-romana e romana e ospita una sezione egizia che fu incrementata dalle scoperte archeologiche dell'esploratore padovano Giovan Battista Belzoni (1778-1823). Attraverso una postazione multimediale e' possibile conoscere la figura, i viaggi e le scoperte di Giovan Battista Belzoni. Museo di Arte Medioevale e Moderna: Nella ricca pinacoteca, con opere realizzate dal '300 all'800 dai grandi maestri della pittura italiana, vi e' esposto il Crocifisso di Giotto, opera dell'inizio del '300, che prima si trovava sopra l'altare della Cappella degli Scrovegni. Segue un importante gruppo di dipinti su tavola del Guariento, tra cui gli Angeli provenienti dalla Cappella della Reggia Carrarese. Tra i tanti capolavori del Cinquecento, la Madonna col Bambino di Boccaccio Boccacini e alcuni dipinti del Veronese; di grande interesse anche la Cena in casa di Simone e La Crocifissione di Jacopo Tintoretto. Per il Settecento vanno ricordati San Giuseppe col Bambino, Madonna, Cristo nell'orto degli ulivi di Giambattista Tiepolo. All'interno del Museo troviamo anche la sala multimediale dedicata all'opera di Giotto nella Cappella degli Scrovegni. Sette postazioni multimediali introducono il visitatore alla conoscenza degli affreschi della Cappella e del contesto storico artistico in cui Giotto ha operato. I Musei Civici dispongono anche di un Gabinetto Fotografico che raccoglie oltre 36.000 negativi, 2000 diapositive e molti positivi riguardanti la citta' oppure frutto di donazioni di fotografi padovani