Please, enable JavaScript on your browser
artena a artena - lazio
Promotions found !
Look in the IdeasForTravels home page

 citta  borgo ARTENA

citta  borgo
ARTENA

ARTENA

La citta' di Artena, da numerosi scavi archeologici eseguiti sul Piano della Civita, deve ritenersi che ci fosse un centro abitato di origine volsca, appartenente a quel mondo romanico-italico costituitosi alla vigilia delle guerre puniche, intorno al IV e V secolo a.C.. Elementi caratteristici di questo periodo sono le mura poligonali, che lasciano traccia dei confini entro cui sorgeva la citta'. Dibattuto e' il nome da attribuire ad essa: alcuni storici propendono per Ecetra, altri per Artena (centro volsci poi scomparsi dalle documentazioni storiche). Alcuni storici identificano la citta' con la latina Foretum o Fortinum, da cui sarebbe derivato Monsfortinum, ovvero Montefortino, nome che il luogo ebbe durante il medioevo fino al 1873. Di sicuro Artena fu centro romano, ben collegata grazie a vie di comunicazione come la Labicana, la Latina e l'Appia. Ce lo dimostrano i resti archeologici sparsi nelle varie parti del territo rio: ruderi, vasellame, statue, cisterne, pozzi, incisioni lapidarie. Nel medioevo Artena fu feudo arroccato sulla montagna con il nome di Montefortino. Originariamente in mano ai Conti di Tuscolo, passo' ai Conti di Segni (XIII secolo), molto legati al Papato, che la tennero in mano fino al 1495, quando il re di Francia Carlo VIII assediando il castello lo espugno' e lo affido a Prospero Colonna. Ai Colonna lo tolse Papa Adriano VI per breve periodo, affidandolo al figlioGiovanni Borgia, ma lo riebbero subito dopo l'avvento del nuovo Papa, Giulio II. Con difficolta' direttamente dipendenti da questioni ereditarie, i Colonna tennero il paese sotto il loro dominio sorretti tendenzialmente da spirito ghibellino. Proprio per questo sentimento antipapale, Montefortino subi' tre distruzioni : la prima sotto Clemente VII (1526), la seconda sotto Paolo II (1543), la terza e piu' violenta sotto Paolo IV (1557). Tuttavia gli abitanti, dotati proverbialmente di una certa fierezza, trovarono ogni volta il coraggio di riedificare le proprie abitazioni. Nel 1559 il paese ebbe una guida femminile, rappresentata da Orinzia, da Virginia, Porzia, Claudia, e Tuzia Colonna. Toccando poi in eredita' a Marzio Colonna, che non era un buon amministratore, Montefortino fu venduto nel 1614-15 al Cardinale Scipione Borghese, nipote di Papa Paolo V. Molto deve il paese a questo Cardinale, perche' sotto la sua guida il paese cambio volto: progetto e realizzo un vero e proprio piano regolatore, modificando interamente l'assetto urbano. Tra le innovazioni le piu' importanti sono la Piazza della Vittoria, la Porta Maggiore (Arco Borghese), la via del Borgo, la via Nuova, il Convento dei Francescani e l'osteria (l'odierno Asilo S. Marco) con stanze e sale a piu' piani. Inoltre completo' e abbelli il palazzo iniziato dai Colonna, dopo la distruzione del 1557. Al Cardinale successe alla guida di Montefortino Marcantonio Borghese, che si prodigo' per mantenere pace e ordine. In seguito il paese fu retto da amministratori locali, sempre per conto del casato Borghese. Durante il periodo napoleonico, eredito il castello Camillo Borghese, che sposo la sorella di Napoleone, Paolina, ebbe una brillante carriera, divenendo principe francese ed essendo decorato della gran croce della Legion d'onore. Partecipo' con il grado di generale a quasi tutte le campagne di Napoleone, anche a quella di Russia. Per la vita movimentata non ebbe molto tempo da dedicare a Montefortino, nonostante abbia fatto restaurare la chiesa di S. Croce. Nel periodo risorgimentale, grazie anche al tentativo di Pio IX di introdurre istituzioni democratiche, gli animi degli abitanti si accesero di patriottismo; qualcuno partecipo' come volontario alle guerre di indipendenza. Durante la repressione della Repubblica Romana (1849), ospite di Montefortino fu Giuseppe Garibaldi, incaricato allora di respingere la truppe n