Please, enable JavaScript on your browser
casa vasari a casa vasari, via xx settembre, 55, arezzo, italy - toscana
Promotions found !
Look in the IdeasForTravels home page

 sito storico CASA VASARI

sito storico
CASA VASARI

CASA VASARI

     

Il pittore, architetto e scultore Giorgio Vasari nato ad Arezzo nel 1511 acquisto' questo edificio della cui ristrutturazione e decorazione realizzata con l'aiuto di allievi si occupo' dal 1542 al 1548. Dopo il matrimonio con la quattordicenne Niccolosa Bacci, figlia di un facoltoso mercante aretino, l'artista abito' alcuni mesi nella casa (1550) fino a quando nuovi impegni di lavoro lo obbligarono a trasferirsi a Roma e successivamente (1554) a Firenze. La residenza aretina mantenne comunque un ruolo importante perche' l'artista vi ando' collezionando numerose opere d'arte di maaestri contemporanei assieme a sculture e marmi antichi, andate purtroppo disperse. L'edificio fu acquistato dallo Stato nel 1911 per destinarlo a Museo ed Archivio Vasariano. E' stato aperto al pubblico dopo un lungo e complesso lavoro di restauro e allestimento espositivo. La visita consente di conoscere uno dei pochi esempi conservati di una casa d'artista del tardo Rinascimento, sistemata su tre piani e dotata di giardino pensile. Al piano nobile si trova l'appartamento con la Camera della Fama e delle Arti, la Camera delle Muse, la Camera di Abramo e il Salone del Camino decorati ad affresco e tempera dal Vasari e da alcuni suoi allievi con soggetti allegorici e celebrativi. Nelle sale sono inoltre sistemati una cinquantina di dipinti cinquecenteschi di medio e piccolo formato, provenienti dai depositi delle Gallerie fiorentine, che documentano l'opera di alcuni artisti formatisi nella scuola vasariana e l'ambiente nel quali il pittore visse e opero'. Di particolare rilievo oltre agli affreschi e ai dipinti di Giorgio Vasari, quelli di altri pittori manieristi come Mirabello Cavalori, Maso da San Friano, Francesco Morandini detto il Poppi, Giovanni Stradano, Santi di Tito, Alessandro Allori, Jacopo Zucchi